Cerca

Ilva, truffa all'azienda
per forniture gonfiate
32 condanne a Taranto

Tra casi citati, un interruttore da 200 euro pagato anche 2.500

Ilva

L'Ilva

TARANTO - Il Tribunale di Taranto (presidente Fulvia Misserini) ha condannato a pene comprese tra i 5 anni e un anno di reclusione 32 imputati - tra magazzinieri, capi area e capi reparto dell’Ilva di Taranto, funzionari dell’ ufficio acquisti di Milano e imprenditori - accusati di truffa ai danni dell’azienda nell’ambito dell’inchiesta sulle forniture avviata nel 2010.

Fu proprio l’Ilva, che si è costituita parte civile con l'avv. Angelo Loreto, a presentare un voluminoso dossier e a chiedere alla magistratura di fare luce sulle forniture gonfiate. Nell’esposto furono indicati alcuni esempi circa le modalità della presunta truffa. All’Ilva era capitato di pagare un interruttore 2500 euro quando lo stesso pezzo, ma con un nome diverso (sarebbe stato questo uno degli stratagemmi utilizzati per sviare la rete dei controlli), era stato poco prima pagato appena 200 euro, cioè 12 volte di meno. La pena più alta - 5 anni - è stata inflitta a un imprenditore di Grottaglie, fornitore di materiale per il Siderurgico, che risponde anche di associazione per delinquere finalizzata alla truffa. Oltre 100 i casi all’attenzione degli investigatori. Peraltro sono caduti in prescrizione i presunti reati commessi prima del 2008.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400