Cerca

taranto

Niente bonifica
per il rione Tamburi
stop al cimitero

Ad annunciarlo è lo Slai Cobas per il sindacato di classe, a cui aderiscono i lavoratori della cooperativa Kratos (ex Ancora), in servizio al cimitero San Brunone

Taranto Tamburi

TARANTO - Tarda la bonifica al rione Tamburi, il più esposto alle emissioni dello stabilimento Ilva, e i lavoratori cimiteriali si fermano annunciando per venerdì 18 marzo un’assemblea con il blocco di ogni attività. Ad annunciarlo è lo Slai Cobas per il sindacato di classe, a cui aderiscono i lavoratori della cooperativa Kratos (ex Ancora), in servizio al cimitero San Brunone.
«A fronte delle ripetute richieste di avviare realmente un confronto - sottolinea il sindacato - per la bonifica del cimitero, luogo dove i lavoratori rischiano la salute tutti i giorni e a fronte della profonda insoddisfazione di ciò che commissario delle bonifiche Corbelli, istituzioni, ditte incaricate stanno facendo sia per la bonifica dei Tamburi che per la necessità di riconoscere loro il lavoro usurante e di esposizione ai parchi minerali e a tutte le sostanze nocive, i lavoratori cimiteriali si fermano». I lavoratori chiedono inoltre «un incontro urgente al commissario Corbelli e alla prefettura» e «chiedono l’appoggio del sindaco e delle istituzioni locali per le loro rivendicazioni. Se questo non avverrà il blocco del cimitero si ripeterà secondo le modalità decise dai lavoratori in assemblea».
Una protesta analoga fu adottata nell’aprile del 2013 con il blocco delle tumulazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400