Cerca

La manifestazione a Taranto

Precarie, la sfilata dell'8 marzo
«Noi sfruttate e discriminate»

Anche gruppi di studentesse, sciopereranno e scenderanno in piazza ritrovandosi alle 9 in piazza castello per raggiungere la Prefettura

comune di taranto

A Taranto, come in numerose altre città italiane, l’8 marzo (giornata della festa della donna) le lavoratrici, le donne precarie e disoccupate, insieme a gruppi di studentesse. sciopereranno e scenderanno in piazza ritrovandosi alle 9 in piazza castello per raggiungere la Prefettura. Le ragioni di questa iniziativa a Taranto, è detto in una nota dello Slai Cobas, risiedono nella situazione di crescente peggioramento della condizione delle donne, che rappresenta a Taranto una realtà esemplare. Vengono citati alcuni esempi come la precarietà negli appalti di pulizia con lavori, che vedono le donne «doppiamente sfruttate e discriminate», il caso delle lavoratrici degli asili, costrette "ancora a misere ore e ancor più misero salario (che devono anche penare per averlo) a svolgere doppie mansioni, di pulizie e di ausiliariato senza riconoscimento economico». Ed ancora: le "lavoratrici di pulizia degli uffici e strutture comunali, a rischio di tagli di posti di lavoro o di ore», le operaie dell’impianto Pasquinelli dell’Amiu, «costrette - sostiene lo Slai Cobas - a «rischiare la salute mettendo le mani nei rifiuti tossici, pericolosi, con amianto, e sull'orlo di vedersi togliere il lavoro». Infine, si ricordano le braccianti morte nei campi, la loro condizione di «schiave», sfruttate con "salari inferiori, in condizioni di lavoro e orari disumani, ricattate anche sessualmente dai caporali e dai padroni delle aziende. Per tutto questo: riprendiamoci l’8 marzo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400