Cerca

Inviata una lettera

Picchi di diossina all'Ilva
sindaco di Taranto chiede
i dati recenti ad Arpa e Asl

Stefano ha inviato una lettera ad Arpa Puglia, Asl, Regione Puglia, ministero dell’Ambiente e Ispra chiedendo informazioni dettagliate sia sui picchi di diossina registrati tra il novembre 2014 e il febbraio 2015

Ilva

L'Ilva

TARANTO - Il sindaco di Taranto, Ippazio Stefano ha inviato una lettera ad Arpa Puglia, Asl, Regione Puglia, ministero dell’Ambiente e Ispra chiedendo informazioni dettagliate sia sui picchi di diossina registrati tra il novembre 2014 e il febbraio 2015 ed emersi dalle analisi commissionate da Ilva sia sul piano di risanamento della qualità dell’aria a Taranto per il contenimento di Pm10 e benzoapirene, che è di competenza regionale.

All’Asl il primo cittadino chiede «ogni utile informazione in ordine ad eventuali episodi sanitari correlabili ai fenomeni registrati nonché certezza dei dati». All’Arpa si chiede «ogni utile aggiornamento» sui valori di diossina e di «valutare se le concentrazioni rilevate siano compatibili con le ricadute al suolo derivanti dalle emissioni convogliate». Alla Regione e agli enti di controllo sollecita, infine, «l'effettuazione di aggiornamenti che abbiano una periodicità congruamente ravvicinata. Tanto - conclude il sindaco - al fine di consentire allo scrivente ogni azione volta alla tutela della salute dei cittadini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400