Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 00:27

Taranto, scoperta finta onlus gestiva casa di riposo anziani

Taranto, scoperta finta onlus gestiva casa di riposo anziani
TARANTO - La Direzione territoriale del lavoro di Taranto ha scoperto in un comune della provincia, a seguito di accertamenti svolti da ispettori del lavoro e carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, una finta onlus che da circa cinque anni gestiva una casa-alloggio per anziani con modalità del tutto riconducibili ad attività di tipo commerciale. Ufficialmente l’associazione avrebbe reso il servizio di assistenza agli anziani, assicurando vigilanza, pulizie e somministrazione di pasti e farmaci, esclusivamente su base volontaristica dei pseudo soci che liberamente e spontaneamente avrebbero prestato i loro servizi assistenziali.

 In realtà, secondo quanto riscontrato dalla Direzione territoriale del lavoro, è stato dimostrato che la struttura accoglieva 12 ospiti, oltre il limite consentito di otto, parzialmente o totalmente non autosufficienti, a fronte d’un corrispettivo economico incassato e documentato da ricevute oscillanti tra 1.220 e 1.300 euro mensili ciascuno. "Come peraltro confermato anche da un proficuo scambio di dati - è detto in una nota - con la Guardia di Finanza, è stato rilevato che tutti i servizi della casa-alloggio, anzichè da volontari, sono stati svolti da un gruppo di lavoratori, principalmente donne, privi di specializzazione o titolo alcuno, che organizzati in turni di lavoro, come dimostrato dai registri di presenze, svolgevano differenti tra cui quella d’assistenza socio-sanitaria». A fronte di tali prestazioni di lavoro di natura subordinata, fuori da ogni disposizione normativa, percepivano retribuzioni simulate da rimborsi spese (da 350 a 1.300 euro) mensili variabili in relazione alla presenza giornaliera a fronte di numerose ore di lavoro prestate, peraltro senza osservare alcun tipo di riposo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione