Cerca

Raggiro via internet preso truffatore

di MONICA ARCADIO
Raggiro via internet preso truffatore
di MONICA ARCADIO

TARANTO - Un truffatore è stato identificato nel giro di una settimana dalla polizia. La denuncia di una vittima ha dato il la alle indagini che hanno portato all’individuazione di un uomo originario della provincia di Lecce. Il 9 dicembre scorso un 67enne tarantino ha denunciato agli agenti del Servizio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico di essere stato raggirare via internet per una somma complessiva di 2mila euro. Stando al suo racconto, aveva ricevuto al suo indirizzo di posta elettronica una messaggio con l’intestazione del suo istituto di credito, con il quale chiedeva di collegarsi ad un link contenuto nella stessa mail per consentire l’aggiornamento del proprio profilo. Il malcapitato, ingenuamente, ha provveduto subito a effettuare l’operazione richiesta, fornendo cosi i propri dati personali e cosa più importante l’username la password che consentiva l’accesso al proprio conto corrente. Al momento dell’attesa conferma dell’operazione, gli è apparso un messaggio con la dicitura « tutti gli operatori sono indisponibili riprovare più tardi».

È stato in quel momento che la vittima è stata colta dal dubbio per quelle insolita procedura, quindi si è collegata immediatamente al sito istituzionale del suo istituto di credito, scoprendo così la truffa. Ignoti, infatti, avevano prelevato dal conto corrente la somma di 2mila euro con bonifico in favore di una carta prepagata Superflash Paypass. La truffa on line è stata scoperta in poco tempo grazie alle indagini accurate degli investigatori che sono riusciti a individuare e denunciare l’autore. Un episodio che conferma, ancora una volta, che il raggiro corre on line e il fenomeno si sta espandendo sempre più. Ogni anno arrivano sulle scrivanie degli uffici della polizia postale migliaia di denunce per truffe on line di ogni genere. I raggiri vengono costantemente monitorati dagli investigatori. Verifiche e accertamenti quotidiani per tutelare gli utenti che utilizzano la rete per diversi tipi di operazione. I casi risolti sono numerosi, ma non basta. Non sempre è semplice individuare i truffatori. Le indagini, spesso, sono lunghe e complesse e si risolvono con delle denunce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400