Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 18:30

Prestano 7mila euro ne pretendono 31mila

Prestano 7mila euro ne pretendono 31mila
TARANTO - Due pregiudicati di Taranto, Palmiro e Angelo Filippelli, padre e figlio di 62 e 42 anni, sono stati arrestati dai carabinieri per usura ed estorsione in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Valeria Ingenito su richiesta del sostituto procuratore Ida Perrone. L’indagine è nata da una denuncia presentata nell’agosto 2015 da un dipendente del Ministero della Difesa, sviluppata anche con attività di osservazione, controllo, pedinamenti ed intercettazioni telefoniche.
I due uomini, a fronte di un prestito effettuato nel maggio del 2012 di 7mila euro, avrebbero preteso la restituzione del doppio della somma pattuita, per poi arrivare, con violenza e minacce, anche di morte, alla somma finale di 31.100 euro. Gli arrestati, pur privi di attività lavorativa, avevano un tenore di vita superiore alle loro reali possibilità. In più occasioni, la vittima ed i suoi familiari erano stati aggrediti verbalmente e minacciati con frasi del tipo «ti mando all’ospedale», ti metto la bomba a casa», fino a ricevere anche minacce di morte del tipo «ti uccido come un cane». Durante la perquisizione nell’abitazione dei due soggetti, i carabinieri hanno sequestrato 6mila euro in contanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione