Cerca

Taranto-Roma, viaggio infernale fra treno e bus L'odissea dei viaggiatori

Taranto-Roma, viaggio infernale fra treno e bus L'odissea dei viaggiatori
PAMELA GIUFRE'
TARANTO - Roma è sempre più lontana da Taranto per chi viaggia in treno. Lo sanno bene coloro che lo scorso fine settimana hanno cercato di raggiungere la Capitale. Proprio in quei giorni, infatti, sono state istituite corse sostitutive a causa di alcuni interventi di «manutenzione programmata» come riferiscono alcuni tarantini che hanno dato il via ad una serie di commenti sulla pagina Facebook della «Gazzetta». In particolare, chi doveva partire da Taranto verso Roma è stato fatto salire a bordo di un autobus. Prima tappa, Salerno. «Arrivati qui - raccontano i viaggiatori - l’autista si è mosso servendosi di un navigatore nei centri di Eboli e Battipaglia, stazioni prima di Salerno, perché con tutta probabilità il percorso non era stato provato in precedenza».

A Salerno i viaggiatori sono arrivati con venti minuti di ritardo: «Alla stazione ci attendeva un treno surriscaldato nei limiti dell’umano pronto ad accompagnarci fino a Roma». Pare che il treno non fosse dotato di tutte le carrozze. «C’erano quelle dalla 5 alla 8. Per questo i viaggiatori che avevano prenotazione nelle carrozze 2, 3 e 4 non sapevano dove sistemarsi. Sono praticamente rimasti senza posto e così hanno dovuto arrangiarsi dove c’erano spazi liberi, correndo il rischio che, arrivati a Napoli, i legittimi assegnatari avrebbero potuto farli spostare». I cittadini deplorano quanto accaduto perché non sono stati informati preventivamente.

Così risponde Trenitalia interpellata dalla «Gazzetta»: «Come sempre accade in caso di servizi sostitutivi, anche in questa occasione sono state emanate precise disposizioni volte a limitare i disagi che possono presentarsi quando è necessario effettuare trasbordo di viaggiatori da treno a bus o viceversa. In particolare, nella stazione di Salerno è prevista la presenza di personale che provvede alla climatizzazione preventiva delle carrozze. E’ possibile che nei primi giorni non tutto abbia funzionato come da programma e che possa essersi registrato qualche problema. Dopo accurate indagini, però - dice Trenitalia -, a Salerno non sono emerse particolari criticità sulla gestione dei pullman e, poiché il piazzale antistante la stazione è interessato da lavori, è alta l’attenzione del personale dell’assistenza clienti che provvede ad accompagnare direttamente al treno i passeggeri in arrivo con i bus. Per quanto riguarda la disponibilità dei posti - dice ancora Trenitalia -, pur prevedendo una composizione con le carrozze a numerazione 3, 4 e 5, ne è sempre stata garantita l’assegnazione. Anche a viaggiatori in possesso di prenotazione in altra vettura».

«Anche tenendo conto delle segnalazioni - assicura infine Trenitalia -, saranno intensificate le attività di controllo e monitoraggio del servizio, pronti a intervenire per migliorarne efficienza e qualità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400