Cerca

Teleperformance si paventa chiusura Taranto

Teleperformance si paventa chiusura Taranto
TARANTO – Teleperformance ha confermato ai sindacati le difficoltà nel mantenere aperte alle attuali condizioni le sedi di Taranto e di via di Priscilla a Roma, attualmente in perdita. Lo rende noto il segretario della Slc Cgil di Taranto dopo la riunione che si è svolta oggi all’Unione degli industriali di Roma. «L'azienda – osserva il sindacalista - ci ha comunicato che in questo contesto non regge e che se non si risolve la questione chiudono Taranto e vanno via dall’Italia, lasciando solo la commessa su Parco Leonardo a Fiumicino».

Le segreterie nazionali dei sindacati «stanno scrivendo urgentemente al Ministero del Lavoro e al Governo – prosegue Lumino – per aprire tavolo specifico su Teleperformance». La multinazionale francese nei giorni scorsi aveva annunciato ai sindacati la volontà di scorporare la sede di Fiumicino per farla confluire in una newco e mantenere la Spa In e out per le sedi di via di Priscilla a Roma e di Taranto modificando perciò i contratti e riducendo il monte ore da 33 a 20. Proposta poi respinta dai sindacati che hanno chiesto al governo di modificare urgentemente le norme introdotte dalla Legge di stabilità per le incentivazioni alle assunzioni, soprattutto riguardo la decontribuzione triennale, che hanno indotto, nel settore dei servizi dei call center, «una distorsione - sottolineano – accentuata della concorrenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400