Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 02:15

«Pilotaggio da remoto» Grottaglie casa per i droni

«Pilotaggio da remoto» Grottaglie casa per i droni
GROTTAGLIE (TARANTO) – Si è insediato all’aeroporto di Grottaglie (Taranto) il tavolo tecnico chiamato a definire le regole per l’integrazione delle macchine a pilotaggio remoto nello spazio aereo civile e a contribuire alla valorizzazione dell’aeroporto jonico. Alla riunione di insediamento hanno preso parte, tra gli altri, l’amministratore unico e il direttore generale di Aeroporti di Puglia, Giuseppe Acierno e Marco Franchini; il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola; il direttore generale dell’Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (Enac), Alessio Quaranta; il Direttore Generale dell’Enav, Massimo Bellizzi, i rappresentanti degli Stati Maggiori di Aeronautica e Marina Militare nonchè alcune delle imprese ad oggi coinvolte nel progetto di sviluppo dello scalo.

Nel corso della riunione è stato illustrato lo stato di avanzamento del programma e i suoi futuri sviluppi lungo le tre principali direttrici: manifatturiera, logistica e sperimentazione di soluzioni aeronautiche con e senza pilota. “L'ampiezza, la flessibilità operativa, l’esser inserita nel corridoio di volo per velivoli non pilotati – è detto in una nota di Aeroporti di Puglia – e la collocazione geografica dell’infrastruttura, rendono l’aeroporto di Grottaglie un asset nazionale ed europeo unico. Ad un anno dall’avvio del progetto sono già state avviate diverse nuove iniziative industriali nei citati ambiti e si è giunti ad un primo livello di definizione di utilizzo dello spazio aereo e delle infrastrutture fisiche e tecnologiche”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione