Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 09:43

Ilva, a Roma la protesta delle aziende fornitrici

di MIMMO MAZZA
TARANTO - La protesta contro l’ultimo decreto salva-Ilva varato dal governo Renzi sbarca in piazza Montecitorio a Roma. A guidarla non sono le associazioni ambientaliste, schieratesi sin da subito contro un provvedimento, ma Confindustria Taranto e altre organizzazioni di categoria che rischiano, con l’ammissione dell’Ilva all’amministrazione straordinaria, di dover dire addio agli oltre 100 milioni di euro di crediti vantati nei confronti dell’azienda (una foto d'archivio)
Sindaco di Taranto: bisogna salvare le aziende
Ilva, a Roma la protesta delle aziende fornitrici
di MIMMO MAZZA

TARANTO - La protesta contro l’ultimo decreto salva-Ilva varato dal governo Renzi sbarca in piazza Montecitorio a Roma. A guidarla non sono le associazioni ambientaliste, schieratesi sin da subito contro un provvedimento che proroga senza una data ultimativa i lavori necessari a rendere non più fonte di malattie e morte gli impianti dell’area a caldo del sideurgico, ma Confindustria Taranto e altre organizzazioni di categoria che rischiano a metà settimana, con l’ammissione dell’Ilva all’amministrazione straordinaria, di dover dire addio agli oltre 100 milioni di euro di crediti vantati nei confronti dell’azienda.

Gli imprenditori di Taranto puntano ad essere ricevuti dalla presidenza del Consiglio per chiedere interventi urgenti. «La legge Marzano apre una procedura concorsuale» commenta il presidente di Confindustria Taranto, Vincenzo Cesareo. «Questo significa che, in assenza di correttivi, i crediti dell'indotto di Taranto rischiano di essere azzerati. Poiché le imprese avanzano ancora tanto dall’Ilva per i lavori dei mesi scorsi, è evidente che non ricevere più questi soldi, o vederli entrare in una prospettiva di massima incertezza, espone le stesse imprese a dei rischi.

Il pericolo è che salti un sistema locale - osserva Cesareo - nonostante l'attenzione che il Governo sta mettendo sul caso Ilva». Stamattina alle 10 gli imprenditori manifesteranno in piazza Montecitorio per andare poi a Palazzo Chigi, mentre a Taranto le aziende hanno bloccato ogni intervento nel siderurgico e annunciato la messa in libertà del personale, si calcola circa 3mila unità. Fim Cisl e Uilm Uil si sono schierate a sostegno dell’iniziativa organizzata da Confidustria, tanto che probabilmente ce ne sarà una analoga martedì a Taranto, con il coinvolgimento degli operai delle ditte dell’indotto.
Più cauta, invece, la Fiom Cgil che con il segretario provinciale Donato Stefanelli chiede al Governo di individuare «in tempi rapidissimi gli strumenti per salvaguardare il sistema degli appalti, che altrimenti verrebbe drammaticamente travolto se tagliato fuori dal percorso di salvataggio dell’Ilva» .

Stefanelli aggiunge che «non è in alcun modo condivisibile quanto annunciato da Confindustria di Taranto circa la sospensione delle attività nello stabilimento e la messa in libertà dei lavoratori dipendenti dalle imprese degli appalti. Una forma di protesta sbagliata e autolesionista che può portare allo spegnimento degli impianti dando così il colpo di grazia a tutto e a tutti, irresponsabile perché soffia sul fuoco della paura e della rabbia, e che qualora venisse assunta davvero ci indurrebbe ad attivare tutte le azioni, anche di natura giudiziaria, a tutela dei lavoratori coinvolti, anche perché per la messa in libertà non vi è alcun presupposto, tantomeno di natura giuridica».

Nell’Ilva, intanto, restano ferme tre colate continue delle acciaierie - si tratta della 1, 2 e 4 - e da oggi c’è lo stop della zincatura 2 che si aggiunge alla 1, fermata da sabato. Ancora in corso, inoltre, la fermata a rotazione degli altiforni 2, 4 e 5, ciascuno bloccato per 48 ore. È la conseguenza del mancato arrivo al siderurgico delle materie prime necessarie alla produzione: minerali di ferro, fossili, zinco. Le scorte sono al minimo, i fornitori non consegnano all'Ilva perché attendono che l'azienda vada in amministrazione straordinaria, e l’azienda deve decelerare per non fermarsi completamente, facendo smaltire ferie arretrate o mettendo in solidarietà 800 lavorat ori. Oggi, intanto, riprendono le audizioni del Senato sul nuovo decreto legge. Le commissioni Industria e Ambiente ascolteranno in serata Vera Corbelli, commissario per le bonifiche. Domani toccherà ad Andrea Guerra, consigliere del presidente del Consiglio, e a Giovanni Arvedi, presidente dell'omonima acciaieria. Inserata ci saranno i sindacati, mercoledì le associazioni ambientaliste mentre giovedì 22 sarà ascoltato Claudio Riva, presidente di Riva Fire, gruppo proprietario dell'Ilva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione