Cerca

Taranto, imprenditore gambizzato. A maggio subì un attentato

TARANTO – Un imprenditore, Marco Milletarì, titolare di un ristorante e di altri esercizi, è stato ferito con una pistola calibro 6.35 alla gamba sinistra mentre si trovava in via Cadore, nel rione Italia, non lontano dalla sua abitazione. L’uomo è stato soccorso e trasportato in ospedale. Il 19 maggio scorso un attentato dinamitardo danneggiò le vetrate del suo ristorante, Momò (foto), aperto da pochi giorni. Milletarì e i suoi dipendenti reagirono riprendendo l’attività e scrivendo su una parete la frase 'Momò tutta la vità. Fu pubblicato anche un selfie del gruppo di lavoro su Facebook
Taranto, imprenditore gambizzato. A maggio subì un attentato
TARANTO – Un imprenditore, Marco Milletarì, titolare di un ristorante e di altri esercizi, è stato ferito con una pistola calibro 6.35 alla gamba sinistra mentre si trovava in via Cadore, nel rione Italia, non lontano dalla sua abitazione. L’uomo è stato soccorso e trasportato in ospedale. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Squadra mobile e della polizia scientifica, che hanno eseguito i rilievi e avviato le indagini. Sarebbero tre i colpi di pistola sparati, uno dei quali andato a segno.

Il 19 maggio scorso un attentato dinamitardo danneggiò le vetrate del suo ristorante, Momò, aperto da pochi giorni. Milletarì e i suoi dipendenti reagirono riprendendo l’attività e scrivendo su una parete la frase 'Momò tutta la vità. Fu pubblicato anche un selfie del gruppo di lavoro su Facebook.

Gli investigatori, che ipotizzavano una intimidazione del racket delle estorsioni, non escludono un collegamento con la gambizzazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400