Cerca

Furti e rapine in casa catturati due giorgiani 

TARANTO - I due responsabili di un'aggressione avvenuta Taranto dove portarono via un bottino di 30mila in euro. Mandarono in ospedale il proprietario. Bloccati in uno stabile a Casamassima, in provincia di Bari. Rinvenuti numerosi arnesi da scasso
Furti e rapine in casa catturati due giorgiani 
TARANTO - La Squadra mobile di Taranto, in collaborazione con La Squadra Mobile di Bari, hanno eseguito il fermo di due cittadini di nazionalità georgiana, ritenuti responsabili, in concorso tra loro di rapina e furto in abitazione; si tratta di Avtandili GABRITCHIDZE, di anni 30, e Jonas VAIKAUSKAS, di anni 33, entrambi con pregiudizi penali specifici a loro carico.

Il 6 novembre scorso, a viso scoperto, avrebbero forzato la porta blindata di un appartamento di uno stabile di Via G.Galilei, a Taranto, razziando una volta all’interno oggetti preziosi e contanti per un valore di circa 30mila euro.

Durante la fuga gli stessi malviventi incrociavano il proprietario dell’abitazione sulla rampa delle scale, con il quale ne nasceva una violenta colluttazione, durante l’aggressione quest’ultimo riportava la frattura del piede e una ferita lacero contusa alla mano sx, giudicate guaribili dai sanitari del SS.Annunziata in gg.30 s.c..

Il tempestivo intervento degli investigatori della Squadra Mobile consentiva di ricostruire le fasi della vicenda e di raccogliere importanti elementi indiziari nei confronti dei predetti cittadini stranieri, sia sulla base delle descrizioni fornite dalla vittima, sia per il modus operandi, caratterizzato dal fatto che l’apertura della porta blindata era avvenuta senza forzatura degli infissi, ma solo con l’utilizzo di grimaldelli e chiavi alterate.

Le indagini, concentrate a Bari, consentivano di risalire a GABRITCHODZE e VAIKAUSKAS nei responsabili dell’azione delittuosa.

Le indagini venivano rese oltremodo difficoltose per il fatto che i predetti risultano senza fissa, ma nonostante ciò, i due venivano rintracciati all’interno dei rispettivi appartamenti, ubicati in uno stabile di Casamassima (BA), dove ieri, come detto, i poliziotti hanno fatto irruzione.

All’interno delle loro abitazioni gli investigatori rinvenivano e sequestravano strumenti atti allo scasso ed in particolar modo set di grimaldelli, chiavi artigianali per l’apertrura di porte blindate, nonché diverse tipologie di serrature.

In particolare, all’interno dell’abitazione del VAIKAUSKAS veniva rinvenuto il giubotto che il medesimo indossava la mattina del 6 novembre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400