Cerca

Officine Arsenale Taranto «Riaperte, ma al gelo»

TARANTO – Lo scrive la Fp Cgil di Taranto in una lettera aperta al ministro della Difesa Roberta Pinotti per lamentare il mancato completamento del piano Brin “nonostante alcune officine e alcune polifunzionali siano state ripopolate per mere questioni di facciata”.
Officine Arsenale Taranto «Riaperte, ma al gelo»
TARANTO – "Buon Natale da questo Arsenale, dove i lavoratori, 'ingenuì contribuenti, si domandano perchè nel mese di dicembre, quasi alla vigilia del Santo Natale, devono sperare, per non lavorare al gelo nelle officine polifunzionali parzialmente aperte, che l’inverno non faccia sentire il suo rigore". Lo scrive la Fp Cgil di Taranto in una lettera aperta al ministro della Difesa Roberta Pinotti per lamentare il mancato completamento del piano Brin “nonostante alcune officine e alcune polifunzionali siano state ripopolate per mere questioni di facciata”.

Intanto, osserva il sindacato, i lavoratori hanno continuato a lavorare per lo Stato, effettuando la manutenzione della nostra flotta, così da consentire, al nostro Paese, di onorare gli impegni politici e militari, presi a livello internazionale”. L’officina polifunzionale 1, è stata “ripopolata con alcuni lavoratori per avviare le lavorazioni, ma – spiega la Fp Cgil – non vi è ancora nè il riscaldamento, nè l'impianto antincendio. L’Officina piccoli motori e imbarcazioni è stata la prima officina ad essere riaperta, peccato che da 3 anni si attenda ancora il collaudo della caldaia, per poter fruire dell’acqua calda e del riscaldamento”. Nell’officina polifunzionale 3 i servizi igienici sono “parzialmente funzionanti e lasciati alle intemperie per anni” e c'è l'impossibilità di garantire l’impianto termico perchè “in attesa del collaudo”.

Problemi vengono segnalati anche alla mensa aziendale “da poco riaperta – sostiene l’organizzazione sindacale – per giustificare anni di costosi lavori; locali caldi d’estate (molto caldi, ma non è stato previsto l’impianto di climatizzazione) e freddi d’inverno”. E’ forse “superfluo - conclude la nota – ricordarle, pregiatissimo ministro, che i lavori di 'ammodernamentò sono costati tanto alle casse del suo Ministero e sono in fortissimo ritardo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400