Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 14:35

Ilva, Mittal-Marcegaglia si fa avanti per acquisto 30 giorni per rispondere

di FULVIO COLUCCI
TARANTO - Arcelor Mittal e Marcegaglia si fanno avanti. Da ieri l’Ilva ha una cordata ufficialmente interessata a rilevare lo stabilimento siderurgico. La proposta d’acquisto, non vincolante, è giunta con una lettera sul tavolo del commissario straordinario Piero Gnudi. La missiva non contiene numeri, se non uno: trenta. Sono i giorni di tempo a disposizione dei vertici aziendali per accogliere o respingere le intenzioni della cordata composta dai franco-indiani, uno dei maggiori produttori d’acciaio al mondo e dagli italiani
Usb: si fanno straordinarinonostante la «solidarietà»
Parchi minerali, ok giunta a parere «Via»
Inquinamento: al top in Europa Ilva Taranto e Federico II Brindisi
Ilva, Mittal-Marcegaglia si fa avanti per acquisto 30 giorni per rispondere
FULVIO COLUCCI
TARANTO - Arcelor Mittal e Marcegaglia si fanno avanti. Da ieri l’Ilva ha una cordata ufficialmente interessata a rilevare lo stabilimento siderurgico. La proposta d’acquisto, non vincolante, è giunta con una lettera sul tavolo del commissario straordinario Piero Gnudi. La missiva non contiene numeri, se non uno: trenta. Sono i giorni di tempo a disposizione dei vertici aziendali per accogliere o respingere le intenzioni della cordata composta dai franco-indiani, uno dei maggiori produttori d’acciaio al mondo e dagli italiani.Arcelor Mittal e Marcegaglia puntano a rilevare la fabbrica tarantina - il più grande stabilimento siderurgico europeo - e gli altri due impianti liguri di Cornigliano e Novi ancora di proprietà del Gruppo Riva, per quanto gestiti dal commissario straordinario dal 2013.

Gnudi ha dunque un mese per riflettere. La proposta era attesa già la scorsa settimana: Arcelor Mittal e Marcegaglia non potevano più indugiare, visto l’interessamento tante volte mostrato nei confronti dell’Ilva. Anche perché c’è un concorrente, il gruppo italiano Arvedi con una soluzione d’acquisto «interna» tuttora in piedi: l’alleanza fra aziende italiane col sostegno della Cassa depositi e prestiti.

Poche le indiscrezione sulla lettera inviata a Gnudi da Arcelor Mittal e Marcegaglia. Se non ci sono numeri, tuttavia ci sarebbero impegni precisi per assolvere le condizioni poste dallo stesso Gnudi: mantenere la produzione e i livelli occupazionali; presentare, dopo il sì del commissario, il piano industriale e quello ambientale.

Secondo alcune fonti, i franco-indiani, confermerebbero gli 11mila posti di lavoro all’Ilva, a condizione di mantenere una produzione annua di almeno 8 milioni di tonnellate d’acciaio.

Nella missiva ci sarebbe anche un riferimento piuttosto stringente al nuovo corso in caso di acquisto: lo spacchettamento aziendale con la creazione di due soggetti: una new company nella quale far confluire lavoratori, impianti e attività industriali; una bad company per assorbire i contenziosi ambientali e i risarcimenti ad essi legati.

Suggestiva la data di scadenza dell’offerta di Mittal e Marcegaglia: il 25 dicembre, giorno di Natale. Inverosimile pensare a un’attesa così lunga per la risposta del commissario Gnudi.

Restano, tuttavia, grandi nodi, pesanti incognite sulla trattativa: anzitutto le questioni inquinamento e salute dentro e fuori la fabbrica, con un processo per disastro ambientale incombente e una nuova inchiesta, secondo notizie giornalistiche. Poi il controllo dello Stato attraverso una quota azionaria di «vigilanza». Il governo vuole inserire nei nuovi assetti societari la Cassa depositi e prestiti con questo obiettivo, qualsiasi sia il compratore. Arvedi e Marcegaglia sono favorevoli; Mittal, invece, mostra più freddezza. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione