Cerca

Per una settimana protesteranno gli autotrasportatori

TARANTO – La categoria autotrasporto dello Sna Casartigiani Taranto ha annunciato, da lunedì 24 novembre a venerdì 28 novembre, il fermo dei propri mezzi con sit-in di protesta agli ingressi del porto di Taranto, con presidio principale all’ingresso del molo polisettoriale, dove verranno distribuiti volantini. La mobilitazione, è detto in una nota, è dovuta allo "stato precario, economico e di lavoro"
Per una settimana protesteranno gli autotrasportatori
TARANTO – La categoria autotrasporto dello Sna Casartigiani Taranto ha annunciato, da lunedì 24 novembre a venerdì 28 novembre, il fermo dei propri mezzi con sit-in di protesta agli ingressi del porto di Taranto, con presidio principale all’ingresso del molo polisettoriale, dove verranno distribuiti volantini. La mobilitazione, è detto in una nota, è dovuta allo "stato precario, economico e di lavoro che gli imprenditori del settore stanno vivendo dopo la decisione di Tct-Evergreen di bloccare i traffici locali, motivando la stessa con gli imminenti lavori di dragaggio e la ristrutturazione delle banchine. La questione ampiamente discussa sui vari tavoli istituzionali locali giunge a una situazione di non sopportabilità, che costringe le aziende del territorio, ormai stanche, senza commesse e senza lavoro, a rivendicare il proprio diritto di sopravvivenza".
Gli autotrasportatori chiedono "il coinvolgimento diretto della categoria ai tavoli istituzionali ministeriali", coinvolgendo tutte le parti interessate, nonchè "la cassai integrazione per tutti i dipendenti del settore, e la moratoria dei debiti fiscali e previdenziali delle aziende".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400