Cerca

Peacelink: ecco il nostro piano B per Taranto

TARANTO - "Il punto di partenza oggi per uscire dalla gravissima situazione a cui ha portato questa politica miope e colpevole dovrebbe essere quella di una riconversione verso uno sviluppo sostenibile, attraverso il riconoscimento di Taranto come area di 'Crisi industriale complessà". Il "Piano B per Taranto" non può prescindere, aggiunge Marescotti, "dalla bonifica dei terreni e dalla messa in sicurezza della falda"
Vescovo di Taranto: «Dopo un annos u Ilva tutto fermo»
Peacelink: ecco il nostro piano B per Taranto
TARANTO – "Il mercato dell’acciaio è in fase recessiva ed è caratterizzato da un eccesso di capacità produttiva di 300 milioni di tonnellate di acciaio annue. Di fronte a questo scenario lo stabilimento siderurgico Ilva sarà sconvolto da un’ondata di crisi che ha portato già altre acciaierie alla chiusura. Per questo è necessario approntare un piano B per ridare futuro ai lavoratori e alle loro famiglie". Lo sostiene il presidente di Peacelink Taranto Alessandro Marescotti, che ha illustrato alla commissione Sviluppo del Consiglio comunale di Taranto "come è possibile riconvertire l'economia locale attraverso fondi europei".

"Il punto di partenza oggi per uscire dalla gravissima situazione a cui ha portato questa politica miope e colpevole - aggiunge – dovrebbe essere quella di una riconversione verso uno sviluppo sostenibile, attraverso il riconoscimento di Taranto come area di 'Crisi industriale complessà".
Il "Piano B per Taranto" non può prescindere, aggiunge Marescotti, "dalla bonifica dei terreni e dalla messa in sicurezza della falda che, se non attuata oggi, costerà molto di più in futuro e, che se non eseguita in tempi rapidi, rischia di compromettere ogni sviluppo futuro di una importante area". Per la copertura finanziaria si rimanda ai "fondi europei per la conversione e il rilancio delle attività economiche".

Nel periodo 2014-2020, ricorda Marescotti, l’Europa "metterà a disposizione dei fondi proprio per le aree di crisi industriale". Inoltre, "l'Unione Europea – sottolinea – promuove le Smart City. Taranto andrebbe riprogettata intorno a questo asse, il cui fine è la realizzazione di innovazione ed ecosostenibilità. Anche per le Smart City ci sono fondi europei".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400