Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 11:48

PeaceLink: Ilva produce il 94% degli Ipa di Taranto Minacce telefoniche a Bonelli: «Ha le ore contate»

TARANTO - PeaceLink effettua misurazioni degli Ipa con lo stesso strumento dell’Arpa, ossia l'Ecochem PAS 2000. I dati elaborati sugli ultimi 12 mesi (agosto 2013-luglio 2014) forniscono una media degli Ipa “di ben 28 ng/m3 nella centralina di via Orsini in cui è stato installato l’Ecochem PAS 2000, mentre in via Machiavelli nel periodo 2009/2010 la media era di 20 ng/m3”. Evidenziata “la strana situazione del monitoraggio in Cokeria che, stando ai dati Ipa registrati di 22 ng/m3, risulterebbe addirittura essere meno inquinata del quartiere Tamburi (28 ng/m3)
L'Ue scrive a PeaceLink: «L'Ilva produce ancora fumi pericolosi»
PeaceLink: Ilva produce il 94% degli Ipa di Taranto Minacce telefoniche a Bonelli: «Ha le ore contate»
TARANTO - “Nel 2014 l’Ilva ha prodotto ancora il 99,4% di tutti gli Ipa (idrocarburi policiclici aromatici, potenti inquinanti atmosferici), emessi a Taranto. Precisamente: tutti gli Ipa emessi a Taranto sono stimabili in 3490 kg/anno; di questi all’Ilva sono attribuibili 3469 kg/anno”. Lo ha detto il presidente di Peacelink Taranto, Alessandro Marescotti, presentando uno studio aggiornato elaborato dagli stessi ambientalisti sugli inquinanti Ipa, ottenuto – è stato spiegato – utilizzando lo stesso modello di calcolo di Arpa Puglia.

Nel 2010, la relazione dell’Agenzia regionale di protezione ambientale, che attestava al 99,8% gli Ipa di provenienza Ilva, fu anche oggetto di una telefonata (il 6 luglio) fra il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e l’ex responsabile delle relazioni istituzionali del Siderurgico Girolamo Archinà. Quest’ultimo, ricorda

Marescotti riferendosi a quanto emerso nell’inchiesta 'Ambiente Svendutò, “parla di 'una scivolatà del direttore generale dell’Arpa, che il mese precedente aveva firmato quella relazione così severa verso Ilva. Perchè i vertici di Ilva erano preoccupati nell’estate 2010? Per il benzo(a)pirene”.

In quel periodo, aggiunge il presidente di Peacelink, “esplodono i dati scomodi dei primi cinque mesi del 2010: essi aveva superato di ben tre volte i limiti di legge. Rischiavano di essere fermate le cokerie Ilva (come chiedeva il movimento ambientalista) che sono la principale forte di benzo(a)pirene e di Ipa. Arpa proponeva una riduzione della produzione, ma anche questa idea non era accettata dall’Ilva”.

Il presidente dell’associazione ambientalista ha rammentato poi la email inviata il 22 giugno del 2010 da Archinà all’ex patron dell’Ilva Emilio Riva, in cui l'allora responsabile delle relazioni istituzionali, parlando della relazione dell’Arpa discussa in una successiva riunione tecnica, sostiene che lo stesso Vendola, decisamente contrariato, avrebbe detto: "Così com'è, l’Arpa Puglia può andare anche a casa perchè hanno rotto".

“Quel modello di calcolo ('attribuzione alla sorgenti emissivè) era diventato – ha puntualizzato Marescotti – un atto di accusa e stava creando molti problemi. Toccava un nervo scoperto e metteva a nudo una questione delicatissima”.

Nel corso della conferenza stampa, il presidente di Peacelink ha riconosciuto che i livelli di Ipa sono scesi da 8200 kg/anno a circa 3500 kg, “ma si tratta comunque – ha aggiunto – di quantità notevole paragonabile alla quantità che veniva emessa dall’area a caldo di Genova e che la stessa Genova non voleva più”.

PeaceLink ha avviato il progetto di effettuare misurazioni degli Ipa con lo stesso strumento dell’Arpa, ossia l'Ecochem PAS 2000. E’ stato poi rilevato che i dati elaborati sugli ultimi 12 mesi (agosto 2013-luglio 2014) forniscono una media degli Ipa “di ben 28 ng/m3 nella centralina di via Orsini in cui è stato installato l’Ecochem PAS 2000, mentre in via Machiavelli nel periodo 2009/2010 la media era di 20 ng/m3”.

Infine, Marescotti ha evidenziato “la strana situazione del monitoraggio in Cokeria che, stando ai dati Ipa registrati di 22 ng/m3, risulterebbe addirittura essere meno inquinata del quartiere Tamburi (28 ng/m3). Come si fa – ha concluso – a definire questo dato attendibile?”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione