Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 14:54

Confindustria Taranto «E' la città che impedisce lo sviluppo»

TARANTO – «Il sistema economico industriale sta collassando. La città di Taranto non riesce a decidere di nulla e quindi qualsiasi iniziativa che deve essere analizzata in termini scientifici viene bloccata sul nascere. Per questo gli industriali si chiedono se è possibile ancora fare impresa in questo territorio oppure no». E’ quanto ha sottolineato il presidente di Confindustria, Taranto Enzo Cesareo, intervistato nel corso di una trasmissione radiofonica
Peacelink: per l'Ilva il destino è la chiusura, bisogna creare il piano B
Arpa Puglia: l'aria di Tamburi è migliore perche è ridotta la produzione dell'Ilva
Ilva: gli stipendi non sono a rischio
Confindustria Taranto «E' la città che impedisce lo sviluppo»
TARANTO – «Il sistema economico industriale sta collassando. La città di Taranto non riesce a decidere di nulla e quindi qualsiasi iniziativa che deve essere analizzata in termini scientifici viene bloccata sul nascere. Per questo gli industriali si chiedono se è possibile ancora fare impresa in questo territorio oppure no». E’ quanto ha sottolineato il presidente di Confindustria, Taranto Enzo Cesareo, intervistato nel corso di una trasmissione radiofonica in diretta dal teatro Tatà del quartiere Tamburi di Taranto.

«La manifestazione 'Industria: ultima fermatà che abbiamo organizzato nei giorni scorsi – ha aggiunto – non era legata solo alle vicende Ilva ma alla deindustralizzazione che il territorio sta vivendo. Siamo alla frutta: non c'è la possibilità di investire, non c'è la possibilità di andare avanti. Noi ce l’abbiamo con i no a priori, crediamo che un sistema Paese dovrebbe interrogarsi oggi sul "sì però", ovvero che un’iniziativa si fa a condizione che sia ecosostenibile. Invece - ha concluso Cesareo – qui partiamo dal presupposto che qualsiasi cosa non si fa. Siamo capaci di dire no al parco eolico in mar Grande e allo stesso tempo di dire no al progetto Tempo rossa dell’Eni e a Ilva».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione