Cerca

Caso Riva dei Tessali lite tra residenti e Golf Il Consorzio: mai stato debitore di nessuno

RIVA DEI TESSALI (Taranto) - Prosegue la querelle dopo il caso del distacco da parte dell'Enel di numerose utenze del complesso. Il sindaco aveva tirato in ballo le morosità dei pagamenti. Botta e risposta sulle responsabilità per la mancata realizzazione delle opere idrico fognarie.
ARCHIVIO: Riva, Enel stacca la luce: ville senz’acqua  Riva, sindaco respinge accuse dei residenti Le reazioni negative all'intervista
Caso Riva dei Tessali lite tra residenti e Golf Il Consorzio: mai stato debitore di nessuno
RIVA DEI TESSALI (Taranto) - Sul caso Riva dei Tessali sorto dopo l’azione dell’Enel che avrebbe distaccato tutte le utenze, interviene l’avvocato Antonino Sersale per conto delle società (tra cui Riva dei Tessali Hotel & Golf Resort) ricondicibili all’ex presidente del Consorzio, Paola Giovinazzi.«In primo luogo - scrive Sersale - è privo di verità è l’assunto da cui vorrebbe affermarsi che siano state staccate tutte le utenze Enel, facendo ritenere tale evento derivante “da enorme mole di debiti” accumulata dalla proprietà del Golf. La c.d. proprietà, invece, vanta rilevanti crediti per effetto di provvedimenti giudiziari che alla stato non risultano ancora e tempestivamente onorati dai soggetti debitori.

Crediti verso lo stesso Consorzio del Comprensorio di Riva dei Tessali, che non erano stati posti negli anni passati in bilancio preventivo e che determinano pertanto gravi e rilevanti conseguenze in relazione alle violazione dei principi di verità e correttezza contabile della compagine consortile.

«Oltretutto - prosegue l’avvocato - l’incresciosa vicenda è determinata dal mancato rispetto da perte del Consorzio di Riva dei Tessali, che comprende tutte le proprietà all’interno del suo perimetro, dei compiti di cui all’art. 2 dello Statuto.

Precisamente si osserva che è lo stesso ente deputato per statuto alla manutenzione dei servizi erogati all’interno del Comprensorio, tra cui rientra anche il compito di manutenere tutti gli impianti serventi l’intero comprensorio, provvedendo a garantire la fruizione dei servizi offerti, riconoscendo le spese anticipate dalla proprietà del Golf anche essa consorziata.

«In secondo luogo contrariamente a quanto s’insinua, ipotizzando una concorrente responsabilità della società lottizzante e del Comune per il mancato adeguamento delle reti, si evidenzia che gli impianti presenti ed esercizio rispondono perfettamente alla normativa illo tempore vigente.

«Infine, ferma la convinzione che l’adeguamento dei servizio idrici debba eseguirsi sempre nel rispetto della legge, e delle innumerevoli prescrizioni volte alle tutela paesaggistico-ambientale, si precisa inoltre che il procedimento amministrativo per l’ottenimento del permesso di costruire tuttora al vaglio del TAR Lecce, e pertanto si attende serenamente e fiduciosamente la decisione».

L’avvocato Sersale sottolinea altri due punti.

1) La legittimazione del Consorzio di Riva dei Tessali soggetto proponente non è assolutamente pacifica stante il chiaro tenore dell’atto costitutivo e dello Statuto; 2) la proprietà delle aree oggetto di intervento non è mai stata in discussione tra le parti in causa, tanto è vero che qualcuno ha invocato l’esproprio; il provvedimento di annullamento che vuol dubitarsi l’obiettività va inteso come indiscussa garanzia di buon andamento dell’amministrazione. Amministrazione che e stata compulsata da un soggetto che al momento presentazione dell’istanza non aveva dimostrato documentalmente di possedere alcun titolo idoneo, per l’ottenimento di un bene della vita costrittivo del diritto altrui nemmeno se camuffato da interesse pubblico.

In ultimo ma non per importanza l’infondata notizia riportata relativamente alla chiusura delle strutture ricettive, queste sono aperte e perfettamente funzionanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400