Cerca

Ilva, c'è nuovo decreto e lo sblocco risorse

ROMA - Pronto un nuovo decreto per l'Ilva. Due i nodi fondamentali che dovrebbe sciogliere: consentire l'attività ordinaria dell'azienda e provare a sbloccare le risorse per l'attuazione del Piano di risanamento degli impianti. Il governo aveva annunciato di essere al lavoro sul dossier dedicato all'acciaieria, al punto che Matteo Renzi lo aveva scritto su twitter
«Noi boicotteremo lo sciopero farsa all'Ilva»
Ilva, c'è nuovo decreto e lo sblocco risorse
ROMA - Pronto un nuovo decreto per l'Ilva. Due i nodi fondamentali che dovrebbe sciogliere: consentire l'attività ordinaria dell'azienda e provare a sbloccare le risorse per l'attuazione del Piano di risanamento degli impianti. Il governo aveva annunciato di essere al lavoro sul dossier dedicato all'acciaieria, al punto che Matteo Renzi lo aveva scritto su twitter, allegando tanto di foto della sua scrivania. Piero Gnudi, commissario straordinario dell'Ilva, conferma che il decreto è pronto lasciando Palazzo Chigi dopo un incontro con il sottosegretario alla presidenza Graziano Delrio.

«È tutto pronto - osserva l'ex ministro - Spero che domani vada in consiglio dei ministri». Il grande centro siderurgico di Taranto è in forte crisi di liquidità, anche soltanto per garantire il pagamento degli stipendi. Ecco perchè un prestito ponte: nel provvedimento messo a punto per l'Ilva ci sarebbe l'estensione della prededuzione per le banche che parteciperanno al prestito ponte. Altro punto, che si concentra però di più sull'applicazione dell'Autorizzazione integrata ambientale (Aia), è lo sblocco delle risorse sequestrate per reati fiscali a Milano; si tratta di poco più di un miliardo, comunque suddiviso in blocchi diversi. In particolare, questa possibilità è già contemplata dal precedente decreto sull'Ilva (cosiddetto 'Terra dei fuochì) ma viene subordinata all'approvazione del Piano industriale, che ancora non è avvenuta e che potrebbe avere tempi lunghi soprattutto per via delle valutazioni da parte dei nuovi soci interessati all'Ilva.

Un ultimo punto che potrebbe trovare spazio nel decreto riguarda l'introduzione di una nuova figura per effettuare gli interventi di adeguamento tecnologico degli impianti. Infine, Gnudi fa presente che potrebbe essere probabile la conferma di Edo Ronchi a subcommissario dell'Ilva

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400