Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 23:38

Sbarco immigrati a Taranto: individuati e fermati gli scafisti

TARANTO – Tra i 293 migranti sbarcati ieri sera da nave Zeffiro al molo San Cataldo del porto di Taranto sono stati individuati e sottoposti a fermo di polizia giudiziaria tre presunti scafisti, due 18enni e un 35enne di nazionalità egiziana, accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Sono stati bloccati dagli agenti della Squadra Mobile, in collaborazione con personale della Marina Militare e della Capitaneria di porto, e condotti in carcere
Sbarco immigrati a Taranto: individuati e fermati gli scafisti
TARANTO – Tra i 293 migranti sbarcati ieri sera da nave Zeffiro al molo San Cataldo del porto di Taranto sono stati individuati e sottoposti a fermo di polizia giudiziaria tre presunti scafisti, due 18enni e un 35enne di nazionalità egiziana, accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Sono stati bloccati dagli agenti della Squadra Mobile, in collaborazione con personale della Marina Militare e della Capitaneria di porto, e condotti in carcere. Determinante è risultata la collaborazione di alcuni immigrati siriani, salvati l'altro ieri nell’ambito dell’operazione 'Mare nostrum', che hanno raccontato la loro lunga odissea confermando anche l'identità dei tre giovani nordafricani.

Il loro viaggio della speranza – hanno raccontato i migranti - è iniziato alcune settimane fa dietro il versamento di somme di denaro che variano tra i 3mila e i 5mila dollari. L'organizzazione li ha prima condotti a bordo di un autobus ad Alessandria d’Egitto e, dopo alcuni giorni di permanenza in una masseria, li ha portati sulle coste egiziane per l’imbarco. Più volte nel corso della navigazione i passeggeri sono stati costretti a trasbordare da un battello all’altro. I tre fermati sono Mahamad Chawki e Ahmad Mohamad, di 18 anni, e Abdelfatth Ibrahim, di 35.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione