Domenica 22 Luglio 2018 | 14:41

Droga

Sentinelle a protezione dello spaccio, quattro arresti a Taranto

Una donna controllava un sofisticato sistema di videosorveglianza

 Sentinelle a protezione dello spaccio, quattro arresti a Taranto

TARANTO - Una donna controllava un sofisticato sistema di videosorveglianza installato in un immobile utilizzato come market dello spaccio di droga, in particolare eroina e cocaina, nel rione Tamburi di Taranto. Quattro le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip Vilma Gilli su richiesta del sostituto procuratore Lanfranco Marazia e notificate dai carabinieri. Tre in carcere: Cosimo Nigro, di 58 anni; Marisa Marangione, di 55 (era già agli arresti domiciliari per reati specifici) e Anna Pia Balzo, di 29 anni, tutti pregiudicati. Ai domiciliari è finito un 24enne incensurato. Sono accusati in concorso di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’attività di indagine ha avuto inizio nel dicembre 2017 a seguito di alcuni servizi di osservazione che rilevavano la presenza di numerosi tossicodipendenti nei pressi di uno stabile del quartiere Tamburi, trovati in possesso di dosi di eroina e cocaina. I militari hanno poi rilevato la presenza di un sistema di sorveglianza che, attraverso telecamere e segnalatori acustici, monitorava l’ingresso dell’edificio e consentiva di eludere i controlli da parte delle forze dell’ordine.

La sorveglianza non era affidata esclusivamente ad apparati automatici di registrazione, ma si avvaleva della costante presenza di Marisa Marangione, il cui ruolo di sentinella della piazza di spaccio veniva svolto attraverso un segnalatore acustico collegato con l'androne interno dello stabile, dove la stessa, tra l’altro, era sottoposta agli arresti domiciliari. Le attività di spaccio all’interno dell’immobile venivano portate a compimento da parte degli altri tre arrestati, i quali con azioni coordinate e continuative - secondo l’accusa - provvedevano a detenere e spacciare la droga.

Contestualmente agli arresti, i carabinieri hanno sequestrato 600 grammi di cocaina ed eroina, già suddivisi in dosi, 11 proiettili calibro 9x21 e 38 special, 15mila euro in banconote di vario taglio e un avvisatore acustico a distanza.

Taranto TA, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Ilva, Procura Taranto: rispettate40 prescrizione su 42: archiviareaccuse per commissari e tecnici

Ilva, Procura Taranto: rispettate
40 prescrizioni su 42: archiviare
accuse per commissari e tecnici

 
Gara Ilva, bufera su Di Maio«Annullamento è una follia»Cantone (Anac) frena sul parere

Gara Ilva, bufera su Di Maio. Cantone (Anac) frena. Ministro: «Verifichiamo»

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Muore mentre cambia la ruota al suo tir: malore per un autista tarantino

Muore mentre cambia la ruota al suo tir: malore per un autista tarantino

 
Spaccio di droga19 arresti a Taranto

Spaccio di droga
19 arresti a Taranto

 
Ilva, Codacons esclusi da Misepresenta ricorso a Consiglio Stato

Ilva, Codacons esclusi da Mise
presenta ricorso a Consiglio Stato

 
Emissioni di nubi maleodoranti Eni e Hidrochemical a giudizio

Emissioni di nubi maleodoranti
Eni e Hidrochemical a giudizio

 
Ilva, Anac «Criticità in gara, ma stop spetta a governo» e Di Maio informa Conte

Ilva, Di Maio: «Hanno fatto un pasticcio. Al via indagine»
Emiliano: Anac ci ha dato ragione

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS