Venerdì 20 Luglio 2018 | 22:37

l'episodio riconducibile ad un conflitto tra bande

Per l'omicidio Reale del 2016
arresti della Polizia a Taranto

polizia

TARANTO - Sarebbe stato ucciso per aver preteso da uno dei suoi assassini, tramite un emissario, il pagamento di un debito di 29mila euro verosimilmente legato alla fornitura di droga Mario Reale, pregiudicato di 54 anni, ucciso a Taranto la sera del 25 maggio 2016 mentre si trovava nel negozio del figlio, 33enne, rimasto lievemente ferito nell’agguato. Per il delitto sono stati arrestati con l’accusa di omicidio premeditato Pasquale Lippo (già detenuto) e Giovanni Lupoli. Gli altri indagati finiti in carcere per altri reati sono Nicola Galeanno, i fratelli Vincenzo e Giuseppe Scarcia e Angelo Piemonte (detenuto a Potenza). Ai domiciliari Michele Martera (per il furto dell’auto utilizzata nell’agguato).

Particolari dell’inchiesta sono stati illustrati nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato anche il procuratore di Taranto, Carlo Maria Capristo, e il questore Stanislao Schimera. Il figlio della vittima e altri testimoni oculari riferirono che ad agire erano state due persone, entrambe armate con pistola e col volto coperto da passamontagna. Contro Mario Reale furono sparati, con due differenti armi (calibro 7,65 e 9) undici colpi, alcuni dei quali al torace. L’analisi dei filmati acquisiti da alcuni impianti di videosorveglianza situati lungo il percorso di fuga dei killer, fuggiti a bordo di una Ford C-Max di colore grigio, ma soprattutto gli esiti delle intercettazioni, hanno consentito di indagare su uno dei possibili autori, Pasquale Lippo, già all’epoca sottoposto alla detenzione domiciliare.

Dai riscontri investigativi è emersa l’ambizione di uno degli indagati principali di acquisire l’egemonia nello spaccio di sostanze stupefacenti nella zona di riferimento. L’inchiesta ha fatto luce anche su una brutale aggressione ai danni di un uomo di 34 anni residente nel quartiere «Paolo VI», con precedenti per spaccio, il quale la sera del 26 agosto 2016 fu sequestrato nell’abitazione di uno degli indagati, e, sotto la minaccia di un fucile, colpito sulla fronte col calcio di una pistola (riportò un trauma cranico con profonde ferite lacero-contuse) e costretto ad ingoiare diverse cartucce, il tutto allo scopo di imporgli l’acquisto della droga. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Muore mentre cambia la ruota al suo tir: malore per un autista tarantino

Muore mentre cambia la ruota al suo tir: malore per un autista tarantino

 
Spaccio di droga19 arresti a Taranto

Spaccio di droga
19 arresti a Taranto

 
Ilva, Codacons esclusi da Misepresenta ricorso a Consiglio Stato

Ilva, Codacons esclusi da Mise
presenta ricorso a Consiglio Stato

 
Emissioni di nubi maleodoranti Eni e Hidrochemical a giudizio

Emissioni di nubi maleodoranti
Eni e Hidrochemical a giudizio

 
Ilva, Anac «Criticità in gara, ma stop spetta a governo» e Di Maio informa Conte

Ilva, Di Maio: «Hanno fatto un pasticcio. Al via indagine»
Emiliano: Anac ci ha dato ragione

 
Taranto, omicidio imprenditore agricolo: assassino condannato a 16 anni

Taranto, omicidio imprenditore agricolo: assassino condannato a 16 anni

 
Emissioni odorigene a Taranto proteste e nuove segnalazioni

Emissioni odorigene a Taranto
proteste e nuove segnalazioni

 
Stalking e sequestro di persona 45enne arrestato a Taranto

Stalking e sequestro di persona
45enne arrestato a Taranto

 

GDM.TV

Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 
Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne

Brindisi, più di 260 chili di droga nascosti in un gommone: arrestato 26enne (Vd)

 
I pugliesi lo fanno meglio: ecco Roberta e il suo 'U Taràll

Roberta, 2 lauree e un sogno da giornalista: torna a Bari da Londra per fare i taralli

 
Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo

Bari, francesi cantano Marsigliese per festeggiare Coppa del Mondo Vd

 
Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

Pio e Amedeo, l'incursione nello stadio dei Leeds: Presidente, giochiamo col Foggia?

 

PHOTONEWS