Lunedì 25 Giugno 2018 | 12:04

La vicenda Ilva

«Sindaco, meglio salvare Taranto che la fabbrica»

Lettera delle associazioni I relatori del piano Taranto: unica strada chiusura e riconversione

«Sindaco, meglio salvare Taranto che la fabbrica»

«Caro sindaco, invece di definirci populisti, radicali, violenti e aggressivi, considerazioni poco consone al Suo ruolo di primo cittadino (minoranze comprese) pensi a quanti hanno speculato e continuano a speculare sulla vita di donne, uomini, bambini e degli operai». I relatori del piano Taranto, la piattaforma finalizzata alla stesura di un accordo di programma che preveda la chiusura dell’Ilva e un progetto di bonifica con il reimpiego degli operai e di riconversione economica della città, scrivono al primo cittadino soffermandosi su alcune affermazioni che riguardano il Siderurgico. In particolare: «Ilva può dare ricchezza» e «Tutto parte e passa dall’Ilva». Se si pensa che l'opera di salvataggio dell’Ilva - sostengono Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, FLMUniti-CUB, Giustizia per Taranto, Tamburi Combattenti, Taranto Respira, Tutta Mia La Città e liberi cittadini - comporta «per la città di Taranto e per l'intero Paese notevolissimi costi, economici e sociali, è evidente come la situazione coinvolga tutte e tutti, indistintamente. Basti pensare alle coperture statali a garanzia dei prestiti bancari per circa 1,2 miliardi o ai veri e propri prestiti dello Stato pari a 425 milioni posti a carico dell'amministrazione straordinaria, cioè sullo Stato stesso che, tradotto in termini pratici, è a carico della cittadinanza».

E, ancora, sono da «considerare - aggiungono i relatori del piano Taranto - gli ammortizzatori sociali stanziati per i 3240 lavoratori in cassa integrazione fino al completamento delle operazioni di vendita. Inoltre, ci sono i costi che la relazione dei custodi giudiziari di Ilva - redatta nell'ottobre 2012 su mandato della Procura tarantina - stima in 8,1 miliardi per “ambientalizzare” il siderurgico, oltre ai costi sanitari che, secondo l'Agenzia europea dell'ambiente, pesano fino a 463 milioni, al netto dei “viaggi della speranza”, determinando un impatto sull'intero sistema di welfare e sulla vita dei cittadini, di natura sanitaria diretta ma, anche, previdenziale e assistenziale».

La presenza della grande industria ha peraltro «bloccato - rammentano cittadini e associazioni - lo sviluppo di qualsiasi economia alternativa - ricordiamo che nell'area ionica si contano circa 110mila tra inoccupati e disoccupati (Rapporto Taranto 2016) a cui, a breve, andranno ad aggiungersi i circa 4500 esuberi previsti con la cessione degli impianti ad ArcelorMittal -, così come la fuga dei nostri giovani verso altre città e la svalutazione degli immobili del quartiere Tamburi».

Allora, è meglio “salvare” Taranto che la fabbrica. «Il risanamento del territorio ionico - evidenziano i relatori del piano - è meno oneroso rispetto al salvataggio Ilva, produrrebbe più occupazione e non causerebbe più malattia e morte ma si preferisce il suo salvataggio perché indebitata per 3 miliardi, metà dei quali con le banche. Un recentissimo evento come Medimex ha dimostrato come l'economia possa rigenerarsi dando lavoro ai commercianti, ai ristoratori, agli albergatori. Inutile ricordare che Taranto, con il suo patrimonio culturale, storico e paesaggistico, potrebbe vivere in piena autonomia. Come mai, allora, il sindaco Melucci - prima autorità sanitaria sul territorio - non si adopera per la riconversione, preoccupandosi solamente del prosieguo dell'attività industriale? Lo ripeteremo in ogni circostanza e in tutte le sedi: l'unica strada è la chiusura e la riconversione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Pinna nobilis a Taranto

La Pinna nobilis muore, a Taranto è a rischio estinzione

 
dissesto idrogeologico massafra

Presto la manutenzione dei canali delle gravine

 
Inaugurato a Grottaglie il Parco della Civiltà

Inaugurato a Grottaglie il Parco della Civiltà

 
mostra di Taranto

C’è la storia di Taranto racchiusa in 40 fotografie

 
Nadia Toffa cittadina onoraria di Taranto

Nadia Toffa cittadina onoraria di Taranto

 
auto elettriche

Taranto, entro l’anno 24 colonnine per ricaricare le auto elettriche

 
Ilva, Landini (Cgil): è un errore chiudere

Ilva, Landini (Cgil):
è un errore chiudere

 
Dehors, l’incertezza non aiuta «Serve regolamento definitivo»

Dehors, l’incertezza non aiuta
«Serve regolamento definitivo»

 

MEDIAGALLERY

Prove tecniche aspettando papa Francesco a Bari

Prove tecniche aspettando papa Francesco a Bari

 
Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 12

Ansatg delle ore 12

 
Mondo TV
Italiana fermata in Turchia

Italiana fermata in Turchia

 
Italia TV
Ucciso da bomba in auto nel Vibonese, 6 fermi

Ucciso da bomba in auto nel Vibonese, 6 fermi

 
Economia TV
Stati Uniti contro il piano "Made in China 2025"

Stati Uniti contro il piano "Made in China 2025"

 
Spettacolo TV
Kidman e Farrell, coppia da horror

Kidman e Farrell, coppia da horror

 
Calcio TV
La Colombia travolge ed elimina la Polonia

La Colombia travolge ed elimina la Polonia

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea