Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 03:37

Taranto difende la vetta contro Pozzuoli

Dopo le vertigini europee (giovedì ritorno a Mosca nell'Europe Cup), il Cras si rituffa nel campionato di serie A1 femminile. Nella nona di ritorno, appuntamento al PalaMazzola domenica alle ore 18 contro le campane. Ricchini: «Non c'è il rischio di distrazioni»
Taranto difende la vetta contro Pozzuoli
Roberto Ricchini (tecnico del Cras Taranto)TARANTO - Nemmeno il tempo di fiatare per la prova intensa di Europe Cup contro la Dynamo Mosca che a distanza di 72 ore, domani, domenica 15 marzo, al PalaMazzola il Cras ritrova il campionato. Con la sua vetta importante da difendere. Alle 18, per la nona giornata di ritorno, c’è un match-trappola, visto che arriva il Pozzuoli voglioso di un posto storico nei playoff.

RICCHINI: GIOCHIAMO AI NOSTRI RITMI - «Se c’è il rischio di distrazione visto che giovedì prossimo andiamo a Mosca per centrare l’obiettivo della finale europea? Assolutamente no – risponde l’allenatore di Taranto Roberto Ricchini -, anzi la partita contro Pozzuoli va onorata per due ragioni. La prima è quella di vincere per cementare la nostra leadership, visti gli impegni esterni non facili delle nostre inseguitrici Faenza (a Priolo) e Schio (a Sesto San Giovanni nell’anticipo). La seconda è quella di mantenere alto il ritmo-gara, arrivando dunque “caldi” alla sfida continentale contro Mosca. Questa è l’unica soluzione per gestire al meglio le forze psicofisiche di una squadra che, non scordiamolo, dall’inizio dell’anno gioca ogni tre giorni».

La premessa è chiara. Ricchini tiene concentrata la sua formazione, che in campionato presenta un trend vincente che dura da otto giornate. Taranto ha numeri sostanziosi: secondo attacco (70,4 punti di media) e quarta difesa (58 punti subìti a gara). Le sue “stelle” che brillano di più sulla via dell’A1 sono Mahoney (quinta marcatrice con una media-punti di 15,2 e seconda tiratrice da tre del campionato col 50,79%), Batkovic (dodicesimo cecchino col trend di 13 punti a gara), David (sesta nel tiro da due con il 51,4%), Zimerle (sesta nel tiro da 3 col 43,7%), Godin (terza rimbalzista con 8,4 palle recuperate in media) e Greco, sesta negli assist con la media di 2,1 palloni “d’oro” serviti a giornata alle compagne. Dati decisivi che, a cinque giornate dalla fine della stagione regolare, tengono il Cras davanti a tutte le altre squadre in campionato.

Prima Pozzuoli, dopo Mosca. Questa in pillole la filosofia di Ricchini, coach che domani, molto probabilmente, permetterà a Bello (spalla ormai guarita per il play-capitano), Sauret-Gillespie (la francese cerca confidenza col canestro dopo un periodo di inattività) e Siccardi (la guardia torna disponibile dopo le noie al ginocchio) minuti preziosi per ritrovare il ritmo agonistico. Disponibile la guardia Greco, nonostante manifesti sintomi influenzali, successivi al match contro Mosca.

ATTENZIONE ALLE CAMPANE - 14 punti di svantaggio rispetto al Cras, tre vittorie su nove match lontano da casa, ma con la voglia di conquistare i primi playoff della sua storia, aggrappandosi al talento ed all’esperienza di Dixon ed Andjelic. La Gma Phonica Pozzuoli è il classico avversario da prendere con le pinze.

Dopo aver salvato la prima A1 nella passata stagione, il quintetto di Palumbo insegue il sogno della lotteria tricolore. In tal senso, l’ultimo -1 con Umbertide, che ha interrotto una serie-sì lunga tre giornate (con Como, Viterbo e Livorno), è stata negativa, perché ora il quintetto campano fa i conti con la peggior differenza canestri nei confronti di Como, che attualmente occupa l’ultima fila dei playoff, a pari punti col Pozzuoli. «Dobbiamo riprenderci subito una vittoria – dichiara l’allenatore Carlo Fulvio Palumbo -, sappiamo bene che non sarà facile imporsi a Taranto, ma gli stimoli sono forti. Ed il dovere è quello di provarci, per fare la corsa alla Comense. La squadra sta bene ed onorerà l’impegno in casa della capolista».

Nel tentare l’assalto al Cras, il tecnico napoletano si affiderà probabilmente all’esperto play bulgaro Goryanova (ultimamente preferita ad Aili, che ha però più punti nelle mani), alla brava guardia serba Andjelic (media di 14,7 punti a match), all’ala tascabile Dixon (a 34 anni sa ben possedere il pallone, col quale sa far fruttare punti come attesta la sua miglior media di squadra pari a 15,6), alla fame agonistica di pivot come Danzi e Grasso, che Taranto ha utilizzato nelle stagioni passate. Alternative verosimili l’esterna Benko e l’ala-pivot cubana Aties. Al posto dell’acciaccata Ferazzoli, Palumbo pone in ballottaggio Paparo e Margio.

LE FORMAZIONI - Cras Taranto: Zimerle, Mahoney, Sauret-Gillespie, Godin, Batkovic; Bello, Siccardi, Greco, David, Prado. All. Ricchini. GMA Phonica Pozzuoli: Goryanova (o Aili), Andjelic, Dixon, Danzi, Grasso; Benko, Paparo (o Margio), Favento, Aties, Minervino. All. Palumbo. Arbitri: Colasanti di Firenze e Caforio di Brindisi. Inizio della partita alle ore 18.

I MEDIA - La partita Cras-Pozzuoli sarà trasmetta in diretta radiofonica dalle 18 dall’emittente media partner Radio Città Bianca, alle frequenze 92.5 mHz per il brindisino e 94.2 mHz per il tarantino. La sfida di campionato, attraverso il commento dei giornalisti Toni Cappuccio ed Aldo Cesario, potrà essere ascoltata anche attraverso lo streaming sul web, ovvero sul sito www.radiocittabianca.com. Aggiornamenti on line sul sito della lega www.legabasketfemminile.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione