Cerca

BASKET / Cras senza pietà in serie A1 E adesso va a caccia della Coppa Italia

Taranto vince a Ribera 64-94 nel turno infrasettimanale (ottavo di ritorno) e mette il primato in cassaforte. Resistono solo Schio e Faenza. E da sabato le ioniche saranno a caccia alla Coppa Italia. Giocheranno in semifinale contro Parma, reduce da tre ko di fila
• Brindisi, si riprende a Reggio Emilia
• Pallavolo: Martina chiama i tifosi
• Scuola di nuoto per i disabili a Bari
BASKET / Cras senza pietà in serie A1 E adesso va a caccia della Coppa Italia
Il Cras TarantoBANCO DI SICILIA-CRAS 64-94

BANCO DI SICILIA RIBERA: Carpreaux 12, Montagnino 22, Bonafede 3, Page 8, Chones 17; Perfetti ne, Falauto ne, Creamer, Russo ne, Riccardi 2. All. Anselmo.
CRAS TARANTO: Zimerle, Greco 12, Sauret-Gillespie 13, Godin 4, Batkovic 19; Bello ne, Mahoney 17, Siccardi 11, Prado ne, David 18. All. Ricchini. ARBITRI: Cè di Milano e Nikolopoulos di Padova.
PARZIALI: 15-22, 30-44, 46-67, 64-94.

TARANTO - Troppa differenza tra Ribera, ultima della classe, ed il Cras primatista. In Sicilia la formazione di Ricchini pesca l'ottava vittoria consecutiva in campionato con l'unica nota lieta dell'infortunio alla caviglia di Siccardi.

Il +30 finale è utile a cementare la vetta, visto anche il ko di Venezia (con Schio), che ora è a -4 dalle joniche. Dietro di loro resistono Faenza e Schio, a -2. Questo il quartetto di testa dell'A1: Taranto 34, Faenza e Schio 32, Venezia 30. Dopo Ribera per il Cras ci sarà nel weekend la caccia alla Coppa Italia. Semifinale con Parma (stasera terzo ko di fila a Priolo), da vincere per credere in un nuovo sogno.

LA PARTITA - Scampoli d'equilibrio, poi Mahoney e Batkovic inscenano loo show del canestro. Palloni sparati a vista. Ribera si fa male. Dall'11-15 del 7' si passa in un soffio al 15-22 del primo periodo. +7: un assaggio che annuncia il pericolo per la “cenerentola” dell'A1. La sua difesa inizierà a fare presto acqua, bucata dalle triple sbucciate come noccioline da Taranto, che vola a +17 al 17' con un break di 18-8. Quello di Batkovic è un braccio armato, che contagia anche Sauret-Gillespie, cestista che ricerca la sua condizione. Poi Taranto prende fiato e Ribera mangiucchia qualche punto col talento Montagnino e la brava Chones: break di 7-1 e 30-41 al 19'. Ma Taranto si ridesta. Un minuto vale il +14 di metà tempo.

L'intenzione di Ribera è cambiare volto al match dall'inizio della ripresa. Sull'operazione mette mano anche il talento belga Carpreaux, che trova i canestri. Ma contestualmente Taranto non ammira, perché riceve impulsi da Sauret-Gillespie (ritrova la doppia cifra in A1 dopo tre mesi di sofferenza fisica) e Batkovic (irrefrenabile). Si viaggia con le rossoblù davanti, a controllare Ribera ed a colmare canestri: dal +19 al 24' al +21 del 30'. Nota negativa è l'infortunio a Siccardi in un match per lei sino a quel momento positivo. La guardia brindisina, dopo aver segnato da tre, viene travolta da Riccardi. Ora la sua caviglia (si teme l'elongazione del muscolo) è sotto osservazione.

Taranto continua a predicare il suo basket-champagne. Ricchini lo ottiene grazie al suo prezioso turn over. La panchina produce acqua al mulino della squadra jonica, che senza pietà dilaga nell'ultimo parziale, toccando il +30 sulla sirena. Nel Ribera non basta Montagnino, talento del futuro italiano. Bella a vedersi, ma la sua squadra si addolora ancora. Il Cras, purtroppo per le siciliane, non ha pietà.

RICCHINI: ORA VIENE IL BELLO - Premette che «Ribera non ha presentato un affare scontato”, denotando il suo stile pacato, ma Roberto Ricchini ammette che “il Cras sta vivendo un bel momento, che mi fa pensare positivo in visto della final four di Coppa Italia». Taranto è squadra in salute. «Ribera ha confermato il potere collettivo della mia squadra», che ritrova anche Sauret-Gillespie stando ai suoi punti. «Audrey – commenta Ricchini – è fondamentale per i nostri equilibri. Lei, come tutte le altre, può portare Taranto lontano”. Ora avanti Parma, in un match (la semifinale di Coppa Italia) diverso dea quello giocato stasera in Sicilia. In palio l'assalto al primo trofeo della stagione. “Parma ha perso il terzo match di seguito? Questo cattivo trend non ci deve condizionare – commenta l'allenatore del Cras – ma piuttosto far pensare che Parma affronterà il match con la voglia di riscatto. Dunque sino a sabato dirò alle mie ragazze di tenere le antenne dritte... ».


I risultati

Gescom MCI Viterbo Bracco Geas Sesto San Giovanni 53-78
Club Atletico Faenza Napoli Basket Vomero 62-54
G.M.A. Phonica Pozzuoli Liomatic Umbertide 69-70
Acer Erg Priolo Lavezzini Parma 79-71
Banco di Sicilia Ribera Cras Basket Taranto 64-94
ACP Livorno Pool Comense 55-45
Umana Venezia Famila Wber Schio 42-56

CLASSIFICA Taranto 34; Faenza, Schio 32; Venezia 30; Parma 26; Sesto SG 24; Priolo 22; Comense, Pozzuoli 20; Vomero 16; Umbertide, Livorno 14; Viterbo 6; Ribera 4.

PROSSIMO TURNO (15-3)

Bracco Geas Sesto San Giovanni Famila Wber Schio
Liomatic Umbertide ACP Livorno
Lavezzini Parma Umana Venezia
Pool Comense Banco di Sicilia Ribera
Acer Erg Priolo Club Atletico Faenza
Napoli Basket Vomero Gescom MCI Viterbo
Cras Basket Taranto G.M.A. Phonica Pozzuoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400