Cerca

Giovedì 19 Ottobre 2017 | 20:18

Il Cras può allungare in vetta alla classifica

La settima giornata della A1 femminile di basket può permettere a Taranto di aumentare il vantaggio. Le ioniche devono battere Como al PalaMazzola (domenica alle 18) e aspettare il passo falso di Faenza, impegnato (dalle 20,15) a Parma
Il Cras può allungare in vetta alla classifica
Il Cras TarantoTARANTO - La settima giornata di campionato offre una nuova occasione d’oro al Cras. Al PalaMazzola, domani 1 marzo alle 18, c’è il match con la Pool Comense. Con l’adrenalina per la fresca storica semifinale di Europe Cup, la formazione di Ricchini cercherà la settima vittoria consecutiva dell’A1. Una nuova affermazione positiva, se assecondata dall’eventuale passo falso di Faenza, impegnato (dalle 20,15) sul difficile campo di Parma, permetterebbe a Taranto di cementare la sua leadership, portando a +4 il vantaggio sull’attuale seconda della classe, in coabitazione con Venezia e Schio.

SULLE ALI DELL’ENTUSIASMO - Il ko di Leòn, comunque indolore ai fini della permanenza in Europa, ha spezzato la serie positiva di Taranto che durava da 9 match dall’inizio dell’anno. Ma il quintetto rossoblù, anche nel finale caldo del match spagnolo, ha dimostrato fame di successi. Seppure le mancasse una delle frecce migliori del suo arco, ovvero la guardia Mahoney, rimasta in panchina per un risentimento al ginocchio. Al ritorno dalla Spagna la giocatrice del South Dakota non ha mostrato particolari fastidi, dunque la giocatrice, attuale capocannoniera del Cras con una media di 14,9 punti in A1, sarà regolarmente a disposizione di Ricchini.

Discorso identico per le altre crassine, che ritrovano il calore de proprio pubblico, ad una settimana dalla caccia alla Coppa Italia, la cui final four “Deox Cup” è in programma a Faenza il 7 e 8 marzo.
Il tecnico alessandrino deve solo scegliere la decima giocatrice da inserire in formazione. Sarà una tra Bello (il capitano ha quasi risolto il suo problema alla spalla), Oliva (fresca azzurra under 16) o Schiavone, uno dei talenti del vivaio.

COMENSE DA RISPETTARE - Non è la squadra che nel 2003 lottò sino alla fine per negare al Cras il primo scudetto della sua storia che poi si materializzò, ma la Pool Comense va rispettata perché è in piena lotta per un posto nei playoff. Meglio sicuramente l’andata per la Juventus del basket femminile (15 tricolori, l’ultimo vinto nel 2004) visto il trend di 8 successi su 13 match. Nel girone di ritorno le lombarde hanno vinto solo 2 match su 6. Il +1 della scorsa giornata sul modesto Umbertide, ha rotto una serie negativa che durava da 4 turni. La flessione tecnico-tattica ha molte ragioni nell’assenza improvvisa della regista azzurra Valentina Donvito che, dopo la qualificazione all’Europeo con l’Italia, ha visto subire una tegola dal destino. Dopo il secondo turno di ritorno, infatti, il 30enne play triestino si è rotta il metacarpo della mano destra. Diagnosi impietosa: operazione e due mesi di stop. Ora la sua squadra gioca per lei, perché vuole regalarle i playoff, nei quali il coach Walter Montini potrebbe riproporre Donvito stessa.

Nell’attesa il coach lombardo sembra aver trovato un nuovo equilibrio con la baby regista Bestagno, che nonostante i 18 anni si è tuffata con coraggio nella parte. Segnali confortanti, ovviamente condizionati dalla co-presenza nel quintetto standard del quartetto produttivo della Comense: il pivot terzo attaccante dell’A1 Smith con 16 punti di media, l’esperta ala bulgara Slavcheva (11,2 punti a gara) e le due ex crassine, la guardia Fazio che ha trovato la costanza come attesta la media di 10,4 punti e la evergreen Hall che fa ancora male a 39 anni, visto i suo trend di 11,5 punti. Ma la giocatrice del Texas, stando alla voce ufficiale del club, domani non ci sarà in campo causa affaticamento psicofisico. Al suo posto l'ala “tascabile” americana Aziz Leigh, che in questa stagione ha appena giocato due partite con una media di 4 punti e 2 rimbalzi. Non è certo Hall, atleta pericolosa e sorprendente.
Panchina non irresistibile quella di Como, ma colma di talenti, come Invernizzi e l’ala-pivot di proprietà del Cras Sarni.

LE FORMAZIONI - Cras Taranto: Zimerle, Greco, Sauret-Gillespie, Godin, Batkovic; Bello (Oliva o Schiavone), Mahoney, Siccardi, Prado, David. All. Ricchini. Pool Comense: Bestagno, Fazio, Leigh, Slavcheva, Smith; Limoura, Invernizzi, Fassina, Silva, Sarni. All. Montini.
Arbitri: Bramante di Verona e Garibotti di Genova. Inizio della partita alle ore 18 al PalaMazzola di Taranto. Match valido per la settima giornata di ritorno del campionato.

I MEDIA - La partita Cras-Comense sarà trasmessa in radiocronaca diretta, dalle 18, attraverso le frequenze di Radio Città Bianca (94.2 mhz a Taranto e provincia, 95.2 mhz a Brindisi a provincia), che trasmette anche in streaming il match on line sul sito www.radiocittabianca.com. La partita può essere seguita on line, con gli aggiornamenti statistici in tempo reale sul sito della Lega www.legabasketfemminile.it. La differita della partita sarà mandata in onda da BS Television lunedì 2 marzo, dalle 23, dopo la trasmissione interamente dedicata al Cras “Basket Time”, condotta dal giornalista Enrico Sorace, dalle ore 21.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione