Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 11:39

Giovinazzo, bentornata vittoria

Un triplo Illuzzi ed un doppio Gimenez rispediscono al mittente (5-3) un battagliero Castiglione nel diciannovesimo turno della serie A1 maschile di hockey su pista. Dopo circa un mese di digiuno, si torna al successo e alla lotta per un posto in Europa
Giovinazzo, bentornata vittoria
LGIOVINAZZO - L’Afp Giovinazzo ha rotto il digiuno che durava dal tredicesimo turno e, nel diciannovesimo capitolo del film dell’A1, si è seduta nuovamente alla tavola del campionato. Ha cominciato, timidamente, dall’antipasto (sofferto 5-5 sul campo della Rotellistica Novara) per buttarsi poi su piatti più sostanziosi (5-3 al Castiglione nel match di sabato sera). L’appetito però non sembra esaurito perché c’è ancora molto spazio nello stomaco rimasto vuoto per circa un mese.

l successo sugli uomini di Paghi confermano la leggenda dell’hockey italiano nella pancia della graduatoria, in lotta per un posto in Europa. Il merito è sicuramente di Pino Marzella, come ha rimarcato a fine gara Gimenez, ma anche del rientro di elementi qualitativamente basilari al gioco dei pugliesi come l’inesauribile Turturro, uno dei migliori in campo assieme alle bocche di fuoco dell’attacco biancoverde. Illuzzi, dopo il penalty sciupato da Bertran, sblocca la gara infilando Dalzotto dal dischetto del rigore.

Nei primi minuti, dopo l’iniziale vantaggio, ti aspetti l’Afp Giovinazzo. C’è invece il Castiglione a fare la partita, a passare in vantaggio, a difenderlo senza affanno, anzi sviluppando un volume di gioco maggiore di quello biancoverde. Martelli, quattro minuti dopo l’acuto di Illuzzi, ribadisce in rete una corta respinta di Stallone, mentre capitan Bracali ribalta la contesa. Garcia Mendez sciupa una punizione di prima, Stallone si supera sull’immenso Bracali, mentre la traversa, un superlativo Dalzotto ed il palo frenano i generosi attacchi dei padroni di casa.

La gara è vivace: nella ripresa i toscani, in vantaggio 1-2, si ripresentano sul parquet a dir poco audaci. Saez manda a lato un penalty, mentre Stallone s’immola ancora su Bracali prima di abbandonare il campo per un cartellino blu inflittogli dal vicentino Ferraro. L’argentino Chiaramonte, a freddo, è bastonato dalla punizione di prima battuta da Saez che vale il pesante 1-3.

L’Afp riparte da un vigoroso ed inesauribile Turturro e da Gimenez che coglie un palo: è il preludio al 2-3 dell’argentino che riapre la gara. Ci prova anche Depalma, ma il 3-3 porta ancora la firma del sudamericano che batte Dalzotto. È l’apoteosi. Il pubblico è in delirio e applaude anche l’intervento di Chiaramonte su Martelli.

Il fortino ospite sembra poter reggere: il finale è tutto un forcing biancoverde, finché Illuzzi riesce a ribaltare il risultato attraverso un penalty che vale il 4-3, ad un minuto dall’ultima sirena. L’attesa per il triplice fischio di Ferraro è snervante anche perché il Castiglione prova ad impensierire i padroni di casa che non mollano. Anzi trovano la rete della sicurezza con Illuzzi che trasforma una punizione di prima: il Castiglione è in ginocchio e perde anche Martelli per espulsione.

Arriva il gong finale: l’Afp può finalmente festeggiare la conquista di un bottino pieno che attendeva da parecchio tempo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione