Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 21:20

Il Gallipoli vuole esorcizzare la crisi

La capolista rallenta la propria corsa da primato in Prima Divisione. Ed il solo punto conquistato nelle ultime due gare arriva addirittura a rievocare per molti il calo della scorsa stagione. Ma c'è chi, come il portiere Sciarrone, la pensa diversamente
Il Gallipoli vuole esorcizzare la crisi
GALLIPOLI - La capolista rallenta la propria corsa da primato. Ed il solo punto conquistato nelle ultime due gare arriva addirittura a rievocare per molti il calo della scorsa stagione, quando la squadra giallorossa registrò un crollo verticale uscendo dalla zona playoff e chiudendo al nono posto.

Sicuramente quella situazione vissuta in riva allo Ionio non può essere paragonata a quella attuale, perché sono due situazioni differenti. Un aspetto importante che va sottolineato è la compattezza dell’ambiente in questa stagione, che si presenta come l’autentica arma in più di un gruppo cresciuto sul piano della qualità e dell’esperienza.

Nello scorso torneo hanno pesato non poco sugli equilibri le divergenze e le polemiche, che hanno interessato allora il tecnico Bonetti ed il diesse Pagni. Dalla scorsa estate il presidente Vincenzo Barba (ieri ha fatto visita alla squadra impegnata nell’allenamento pomeridiano) ha costruito e rilanciato il nuovo progetto partendo dalla sinergia tra il nuovo d.s. Gino Dimitri e lo staff tecnico guidato da Beppe Giannini.

La sconfitta di Foligno ed il pari di domenica scorsa contro la Juve Stabia hanno palesato una flessione del Gallipoli nella conquista dei risultati, anche se la squadra del Principe ha dimostrato di essere viva e propone tanta qualità, seppur in modo alternato nelle corso di queste due ultime partite. «Chi crede che il Gallipoli sia in crisi si sbaglia di grosso - sottolinea il portiere Carlo Sciarrone, 25 anni, ingaggiato dal club giallorosso a gennaio con un contratto sino al prossimo giugno -. Il punto conquistato nelle ultime due gare non può arrivare a definirci in difficoltà. A Foligno abbiamo sbagliato l’ap - proccio e poi non siamo riusciti a raddrizzare la gara. Mentre domenica scorsa contro la Juve Stabia abbiamo mancato l’occasione per chiudere la gara con il gol del 2-0 ed alla fine siamo stati raggiunti. Siamo sempre noi la capolista e questo non lo dobbiamo dimenticare. Di fronte al nostro muso non c'è nessuno davanti e questo lo dobbiamo far valere in campo, facendo capire ai nostri avversari di ritrovarsi contro la prima della classifica. E domenica lo dovrà vedere il Perugia. Sono pronto e carico nel correre verso il debutto dal primo minuto».

Il portiere genovese si prepara al debutto dal primo minuto di domenica contro il Perugia, dopo l’esordio sfortunato di domenica scorsa al 24 della ripresa per l’espulsione di Generoso Rossi. “Sciarro”, così soprannominato dai compagni, è entrato ormai in sintonia con la sua nuova squadra. «Sin dai primi giorni ho trovato un gruppo sereno e unito - commenta Sciarrone, alto 194 centimetri e 26 presenze nella scorsa stagione con la Massese -. Sono giunto qui a Gallipoli con grande entusiasmo, visto che Giannini, che conosco già per averlo avuto a Massa lo scorso anno, mi ha prospettato il ruolo di vice di Rossi. E proprio per ciò nel mercato di gennaio ho accettato la proposta del club salentino ed ho mollato la trattativa con il Ravenna, con cui vi erano già delle divergenze economiche. E poi qui a Gallipoli quando mi sveglio e vedo il mare, mi fa sentire come a casa mia a Genova».

Per oggi, intanto, è prevista la gara amichevole con il Salignano al Bianco. Per quanto riguarda la situazione dell’organico, ieri il bomber Di Gennaro ha ripreso gli allenamenti sostenendo la doppia seduta ed uscendo qualche minuto prima dal campo. L’esame effettuato dall’attaccante con lo staff medico ha escluso ogni problema al ginocchio destro.

Pasquale Marzotta

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione