Cerca

Giovinazzo a picco: arriva il quarto stop di fila

Finisce 3-1 per il Valdagno il posticipo del diciassettesimo turno di A1 maschile di hockey su pista. Il tecnico dei baresi Marzella già guarda alla prossima sfida sul campo della Rotellistica Novara, dove non potrà contare sull’estro di Illuzzi
Giovinazzo a picco: arriva il quarto stop di fila
LGIOVINAZZO - Quando due squadre in crisi di risultati (il Valdagno ha interrotto col blitz di Breganze, la poco invidiabile striscia di tre sconfitte di fila che, invece, da quasi un mese contraddistingue il cammino dell’Afp Giovinazzo, ndr) si affrontano il pari è il risultato più probabile. E sarebbe finita così se a rompere l'equilibrio non fosse arrivato una ripresa più vivace a sovrastare una brutta prima frazione terminata 1-1.

Finisce 3-1 per il Valdagno sull’Afp Giovinazzo e il tecnico Pino Marzella già guarda alla prossima sfida, sul campo della Rotellistica Novara, dove riabbraccerà Depalma, ma non potrà contare sull’estro di Illuzzi, espulso definitivamente sul parquet veneto.

L’Afp Giovinazzo, reduce da tre sconfitte consecutive (nell’ordine Viareggio, Bassano ’54 e H. Novara, ndr) si presenta senza il capitano Depalma. Non sta meglio il Valdagno, reduce dall’1-2 di Breganze, ma privo dello squalificato Raed.

Nei primi minuti si fanno preferire gli attaccanti pugliesi che impensieriscono Vallortigara costretto ad abdicare all’8’ minuto quando Illuzzi fredda il portiere di casa con un penalty concesso da Fermi per una palla alzata in area da Rigo. Nicolia, con Dagostino espulso temporaneamente, non inquadra il rettangolo di Chiaramonte su una punizione di prima.

Il ragazzo di Mendoza si ripresenta all’appuntamento con le bocche di fuoco venete: stavolta, però dopo la respinta su un penalty battuto da Motaran, non può far nulla sulla ribattuta della punta valdagnese che alza la pallina, schiaccia e sigla l’1-1 al 9’ minuto. La traversa di Pranovi è l’ultimo lampo nel buio del primo tempo.

Inizia la ripresa. Garcia Mendez s’incarta dinanzi a Vallortigara su una punizione di prima, mentre Dagostino, penetrato nell’area piccola, non riesce a concretizzare la ghiotta opportunità. Illuzzi chiama ad nuovo intervento il superlativo Vallortigara, su una nuova punizione di prima, mentre Pranovi saggia i riflessi di Chiaramonte.

Il Valdagno, intorno al 10’ minuto, perde Rigo, Pranovi e Nicolia (espulsi temporaneamente, ndr), ma riesce addirittura a ribaltare il banco con un siluro di Cocco che trova impreparato l’estremo difensore pugliese che si rifà qualche istante più tardi respingendo un penalty di Nicolia. L’Afp si riporta in avanti con Dagostino, ma Motaran sigla il 3-1 da posizione defilata con la complicità di una retroguardia un po’ imbambolata.

Illuzzi sulla sua strada trova sempre Vallortigara, strepitoso su un penalty dell’attaccante pugliese, espulso subito dopo. La punizione di prima di Nicolia finisce fuori accarezzando il montante. È l’ultimo sussulto del match: il Valdagno inanella il secondo successo di fila, mentre l’Afp si assesta in settima posizione, nella pancia della graduatoria di A1, ma con quattro sconfitte di fila sul groppone da cancellare al più presto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400