Cerca

Basket / Il Cras Taranto a Livorno per difendere la vetta della serie A1

Turno infrasettimanale nel massimo campionato femminile. Le ioniche affronteranno (ore 20,30) un avversario di fascia bassa, terzultimo in A1, da non sottovalutare però per non rischiare di mandare all’aria quanto di buono fatto sinora
• Pallavolo: Castellana, squalifiche in arrivo
• Gioia del Colle, la forza sta nel collettivo
• Calcio: Lecce, riecco Vives e Munari
• Lanzafame in dubbio per Bari-Vicenza
• Voci su una possibile vendita del Foggia
• Francavilla-Brindisi slitta a mercoledì 25

Basket / Il Cras Taranto a Livorno per difendere la vetta della serie A1
Roberto Ricchini (tecnico del Cras Taranto)TARNTO - Dopo cinque vittorie consecutive con avversari di alto livello (Faenza, Parma e Sesto San Giovanni in campionato; Tarbes in Europe Cup), tutti battuti, il Cras affronta domani a Livorno l’Acp. Avversario di fascia bassa, terzultimo in A1, «che non va sottovalutato, altrimenti rischiamo di mandare all’aria quanto di buono fatto sinora. E poi se giochiamo freddamente, da Cras, possiamo serenamente difendere la nostra vetta». Così parla alla vigilia Megan Mahoney, la capocannoniera rossoblù con una media di 15.1 punti realizzati a partita. La cestista del South Dakota, con la sua umiltà, è l’emblema della classe operaia crassina voluta dal tecnico Roberto Ricchini.

Oggi a Livorno è in programma il quarto turno infrasettimanale della serie A1. Parallelamente la coinquilina della vetta Faenza (sulla quale le joniche vantano il +1 nella differenza canestri) è impegnata in casa con Pozzuoli in un match abbordabile. Dunque gli stimoli della vetta «ci spingeranno a cercare un nuovo successo».

UNA NUOVA BABY IN CAMPO - Vista l’assenza di Monica Bello (noie alla schiena) e l’indisponibilità di Marta Masoni (impegnata nel raduno della nazionale italiana under 18 a Penne sino al 12 febbraio; mentre l’altra baby crassina prenderà parte al suo primo raduno con l’Italia under 15 a Sant’Antimo dal 16 al 18 febbraio), per la prima volta trova spazio nel roster di un match di A1 la diciottenne del vivaio rossoblù Maria Sachiavone. Questa la piccola novità della partita di Livorno. Per il resto confermato il Cras che ha sbancato con autorità (+16 finale) il campo del Sesto San Giovanni sabato scorso.

Decisivo in tale circostanza l’attacco di Taranto (il +93 è il top stagionale), con l’arma sorprendente del tiro da 3, che ha inciso sul risultato finale con il 42%. Complice soprattutto la mano della regista Anna Zimerle che, nonostante stia sopperendo all’assenza di un’alternativa ossigenante nel suo ruolo, continua a guidare con intelligenza la sua squadra, condizionandone anche la finalizzazione, come dimostrano le 5 triple che hanno addolorato Sesto San Giovanni. ªÈ bello vincere segnando molto – sottolinea la vicentina – perché questi punti contribuiscono ad alzare la pericolosità del Cras. Se è l’anno giusto di Taranto? Chissà, noi ci crediamo ogni giorno di più. In tal senso le vittorie cementano le certezze». Oggi altro banco di prova: offrire una prova tattica giusta, in casa di una squadra di livello inferiore, è segno di maturità.

LIVORNO E’ IN CRESCITA - Due vittorie in tre partite nel girone di ritorno. In pratica 4 punti su dirette concorrenti come Ribera (falcidiata per due turni consecutivi dallo 0-20 per il tesseramento irregolare del talento belga Carpreaux) e Viterbo. Una sconfitta, patita domenica scorsa contro la forte Faenza, che ha legittimato il successo del campo con il 20-0 tavolino, per l’ennesima mancata attuazione della legge-capestro delle 4 straniere in campo commessa dal coach livornese Guido Novello. Una legge questa che la cestista del Cras Elodie Godin (quarta rimbalzista dell’A1) definisce “assurda”. Non è un caso che dalla prossima stagione la sanzione della regola dovrebbe essere ridimensionata. Resta la gaffe commessa al 37’ del match ormai compromesso con Faenza, da parte di Guido Novello, che il 25 novembre scorso, sostituì alla guida del team ligure il collega Giovanni Papini, che aveva collezionato solo due successi in sette match.

Sinora, la gestione di Novello (tecnico esperto del settore femminile) ha fruttato tre successi in nove match. Un trend da squadra obbligata alla sofferenza, che attualmente difende la terzultima posizione, che significa playout con un leggero vantaggio sulla penultima, in chiave giochi per evitare la A2, che è attualmente Viterbo, sotto di 4 punti.

Rispetto al match dell’andata, che vide il Cras conquistare il primo successo in campionato (+8 finale), Livorno ha ritoccato il gruppo. Via il play Pastore e la guardia Franchini verso club d’alta classifica (rispettivamente a Schio e Parma), rescissi i contratti con le straniere deludenti Pavicevic e Hairston, il club che in estate ha acquisito i diritti di La Spezia, ha pescato dal mercato di riparazione la brava ala italiana Ramon da Faenza, l’ala operaia francese Bade da Viterbo e la talentuosa play slovena Ristic, che in due partite ha assicurato 24 punti e 6 assist a Livorno.

Numeri come pane per una squadra che ha nella difesa dell’A1 un chiodo fisso. Obiettivo nella mente del centro americano “europe-trotter” Gaither (8,6+9,4 il trend canestri+rimbalzi), dell’ala-pivot slovena Ruzickova (rendimento alterno il sotto le plance: 8,4 punti) e della guardia proficua (10,8 punti a match) Bagnara, che dall’inizio della stagione lottano nel nome di Livorno.

LE FORMAZIONI - ACP Livorno: Ristic, Bagnara, Ramon, Ruzickova, Gaither; Buccianti, Balestra, Mariani, Bade, Montagna. All. Novello. Cras Basket Taranto: Zimerle, Siccardi, Mahoney, Godin, Batkovic; Sanchez, Greco, Schiavone, David, Prado. All. Ricchini. Arbitri: Moretti di Perugia e De Rosas di Sassari. Inizio della partita alle ore 20,30. Sfida valevole per il quarto turno di ritorno dell’A1 femminile di basket.

I MEDIA - La partita Livorno-Cras sarà trasmessa in radiocronaca diretta, dalle 20,30, attraverso le frequenze di Radio Città Bianca (94.2 mhz a Taranto e provincia, 95.2 mhz a Brindisi a provincia), che trasmette anche in streaming il match on line sul sito www.radiocittabianca.com. La partita può essere seguita on line, con gli aggiornamenti statistici in tempo reale sul sito della Lega www.legabasketfemminile.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400