Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 16:23

Cras inarrestabile: 5 vittorie su 5 nel 2009

Dopo i quarti di finale raggiunti in Europe Cup, ecco il primato rinsaldato nel campionato di serie A1 di basket femminile. Già domani sera alle 20,30 si tornerà in campo per la quarta di ritorno, in cui il Cras sarà impegnato in casa del Livorno terzultimo in classifica
Cras inarrestabile: 5 vittorie su 5 nel 2009
Roberto Ricchini (tecnico del Cras Taranto)TARANTO - Dopo i quarti di finale raggiunti in Europe Cup, ecco il primato rinsaldato in campionato. Si è conclusa una settimana di fondamentale importanza per il Cras Taranto che ha portato a cinque la serie di vittorie in altrettanti incontri di questo primo scorcio di 2009. Uno più importante dell’a l t ro. Due in Europa, contro il Tarbes che finora in stagione aveva incassato un solo ko in 23 partite. Tre in campionato contro tre fra le prime sette squadre della classifica. Prima Faenza, poi Parma ed infine, nell’anti - cipo di sabato, Sesto San Giovanni. Un filotto impressionante, contro avversarie di primissimo piano che sancisce ancora una volta la forza di questo Cras, che nei momenti chiave del match, così come accaduto nel terzo quarto dell’ultima partita, riesce a costruire quegli scatti capaci di uccidere la partita.

La dodicesima vittoria in sedici giornate permette ancora alla squadra rossoblu di guidare la classifica a braccetto con Faenza (ma fa valere il +1 negli scontri diretti). Sembra così lontano il ricordo della sconfitta interna contro Sesto San Giovanni nel match di andata al PalaMazzola, quando l’inizio «shock» di 4 sconfitte stagionali di fila sembrò abbattersi sui sogni di Taranto. E invece in Lombardia è arrivato un disarmante +16. Che porta a 21 il numero di vittorie nelle ultime 22 gare stagionali. In mezzo solo il ko contro Venezia che non ha compromesso la corsa al primo posto né sopratutto l’accesso alle final four di Coppa Italia del 7 e 8 marzo.

«Non pensavo che la squadra, con la fatica di Tarbes nelle gambe, potesse essere capace di una prestazione così maiuscola - ammette il tecnico Roberto Ricchini parlando del match di Sesto San Giovanni -. Forse abbiamo avuto una vita più facile di quanto prevedessi, ma Sesto rimane un avversario tagliente, che abbiamo battuto alla distanza, con cattiveria difensiva ed intelligenza in attacco».

Dopo il tour de force di queste ultime due settimane, ora nuovi ostacoli sono subito all’orizzonte. Perché già domani sera alle 20,30 si tornerà in campo per la quarta di ritorno in cui il Cras sarà impegnato in casa del Livorno terzultimo in classifica. Le toscane saranno un avversario da affrontare con il dovuto rispetto, pur essendo dodicesimi e staccati di 14 punti. In casa vengono da due vittorie con Ribera e Viterbo, rispettivamente penultima e ultima della graduatoria. Ma in precedenza hanno messo a segno colpacci come la vittoria di Como e quella interna contro Schio, oppure la gara persa per appena 2 punti a Parma.

Per il Cras è comunque l’occasione per confermarsi in vetta all’A1, guardano a ciò che farà Faenza con Pozzuoli. E dalla prossima settimana (andata il 19, ritorno il 26 in Spagna) sarà la volta dei quarti di finale della Europe Cup, un guado sul quale le crassine si sono arenate già in due edizioni. Di fronte ci saranno le spagnole della Baloncesto San Jose Leon, team già affrontato nell’edizio - ne del 2007. Sia in quell'anno che in quello successivo le rossoblu si arresero prima a Parma e poi alle israeliane dell’Elitzur Ramla. Ma stavolta Taranto si sente più in forma che mai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione