Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 07:19

Il Bari in ansia per Lanzafame

di FABRIZIO NITTI
Distorsione alla caviglia per l'attaccante, il quale ha lasciato il ritiro dell'Italia Under 21. Scatta l'allarme in attacco con Barreto indisponibile e Kutuzov in ritardo di condizione
Il Bari in ansia per Lanzafame
Lanzafame (Bari)BARI - Toccata e fuga, l’azzurro di Davide Lanzafame è durato un attimo, proprio nel giorno del ventiduesimo compleanno. Il tempo di sottoporsi alla visita di rito con lo staff medico della «piccola Italia» e riprendere l’ae - reo per Bari. Trauma alla caviglia destra, Casiraghi e la sua Under 21 dovranno rinunciare all’apporto del barese nella sfida di mercoledì contro la Svezia (l’at a l a n t i n o Cerci chiamato al posto del biancorosso). Ma questo, in fondo, interessa relativamente al tifoso barese.

La paura è che l’attaccante scuola Juve finisca con il saltare la partita di venerdì sera contro il Vicenza. La speranza, ovviamente, è che tutto rientri. Con Barreto fuori causa, Kutuzov lontano dalla migliore condizione, le scelte per Conte sarebbero ridotte al lumicino. Il tecnico finirebbe con il poter contare soltanto su Caputo e sul «figliol prodigo » Volpato, rientrato dal trasferimento al Vicenza per cause di forza maggiore. Lanzafame, tornato nella serata di ieri dal raduno con gli azzurrini, si è procurato una distorsione sabato scorso, nel finale della trasferta di Brescia. Oggi sarà tenuto a riposo, nei prossimi giorni andranno valutati costantemente i miglioramenti.

Sarebbe un vero peccato dover rinunciare a un giocatore che sta facendo segnalare costanti progressi sotto l’aspetto della condizione, come ha confermato anche la partita di Brescia. Soprattutto, un giocatore duttile, in grado di giocare da esterno o da punta con la stessa intensità e pericolosità. Non per niente nell’ul - tima trasferta di Brescia, Conte ha puntato dritto su di lui per tappare il buco apertosi nel reparto offensivo: «A Brescia - racconta Lanzafame, ribattezzato “Lancia - fiamme” dal popolo barese - sono tornato a ricoprire il ruolo di seconda punta senza alcun problema. In fondo, calcisticamente sono nato proprio in quella posizione.

Certo raccogliere l’eredità di Paulo (Barreto, ndr) non è semplice per nessuno, ma ognuno di noi possiede caratteristiche differenti. L’im - portante è essere funzionali al gioco collettivo. Credetemi, il Bari è una squadra che gioca a memoria». Un gol contro il Frosinone, un quasi-gol a Brescia, al culmine di una splendida azione in verticale impreziosita da una finta che, in sostanza, ha provocato lo svenimento del suo diretto marcatore: «Peccato, è stato bravo il portiere di casa a opporsi alla mia conclusione di sinistro, ma la costruzione dell’azione è stata di una rapidità eccezionale».

Sei vittorie e un pareggio, la striscia positiva si amplia, la classifica resta coloratissima: «Bè, non si può sempre vincere - scherza Lanzafame -. Il pareggio di Brescia vale quanto l’oro. Mi spiace che non siamo riusciti a concretizzare le tante situazioni favorevoli costruite sotto la porta bresciana. Con Caputo non avevo mai giocato come coppia d’attacco. Chiaro, non tutto è filato liscio, ci sono dei movimenti che vanno perfezionati, ma tutto sommato il “b at t e s i m o ” non mi è dispiaciuto, abbiamo messo in difficoltà la difesa di Sonetti. Per quanto mi riguarda, sento di essere in progresso. Più vivo, mi sento a posto, ho praticamente recuperato la migliore condizione».


Recuperato, invece, Raffaele Bianco. Il difensore aveva accusato una elongazione al bicipite femorale nel corso della settimana precedente la sfida di Brescia. Sarà a disposizione venerdì sera, Conte dovrebbe riconsegnargli la maglia di esterno destro basso. Ma il tecnico biancorosso dovrà rinunciare per squalifica a Parisi, ammonito a Brescia. Sembra scontato il ricorso a Bonomi. Quasi a posto Santoni. Ha svolto lavoro più leggero Alessandro Gazzi, colpito duro a Brescia da un intervento di Mareco dopo appena un quarto d’ora di gioco. Non sarà, comunque, una caviglia dolorante a fermare il «rosso», ancora fra i migliori sabato scorso. La squadra si allenerà questo pomeriggio, poi mercoledì e giovedì mattina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione