Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 03:37

Meraviglioso Taranto: +16 sul campo di Sesto

Nonostante l'impresa di Tarbes fosse avvenuta 48 ore prima, il Cras sbanca 77-93 il rettangolo di Cinisello Balsamo mostrando un atteggiamento super. La vittoria vale il primato nell'A1 femminile di basket. Legadue maschile: Brindisi-Pistoia 73-72
Meraviglioso Taranto: +16 sul campo di Sesto
GEAS-CRAS 77-93

BRACCO GEAS SESTO SAN GIOVANNI: Crippa 2, Penicheiro 19, Zanon 3, Tillis 21, Machanguana 24; Arturi 1, Twehues 5, Frantini, Genta ne, Calastri 2. All. Galli
CRAS BASKET TARANTO: Zimerle 17, Greco 6, Siccardi 7, Godin, Batkovic 17; Sanchez 8, Mahoney 26, Masoni, David 12, Prado . All. Ricchini.
ARBITRI: Ceratto di Alessandria e Migotto di Venezia.
PARZIALI: 19-19, 39-39, 54-64, 77-93.


TARANTO - Nessuna prestazione diesel questa volta. Nonostante l'impresa di Tarbes fosse avvenuta 48 ore prima, il Cras sbanca il rettangolo di Cinisello Balsamo, mostrando un atteggiamento super. E' record stagionale offensivo della formazione di Ricchini con 93 punti, ovvero +26 sulla media d'attacco sinora portata in campionato. Il 53% della produzione agonistica di Taranto proviene dal tiro da 3, visto il 13/23 dalla lunga distanza, con Zimerle prima specialista. Una prestazione intensa e come sempre corale, che mette in discussione la difesa della Bracco Geas Sesto San Giovanni, che sinora aveva subìto appena 61 punti a gara.

E' l'effetto Cras. Travolgente. La squadra rossoblù, in attesa che domani, domenica 8 febbraio, si completi il terzo turno dell'A1 di basket femminile, sfruttando l'anticipo del PalaAllende, si gode il primato in solitudine, con i 24 punti in classifica, frutto di 12 successi su 16 match.

LA PARTITA - Inizio tambureggiante del Cras, con uno starting five inedito, vista la presenza temporanea delle tre “piccole” Zimerle, Greco e Siccardi, che hanno in Batkovic e Godin riferimenti sotto canestro. La scelta frutta un avvio veloce: 7-4 a 9-5 crassino dopo 2'. Ma è nei paraggi l'ariete Machanguana, che desta la Geas, viziando il 9 pari. Allora va in scena l'equilibrio improvviso, con canestri a ripetizione da ambo le parti. Taranto ritrova la vena realizzativa di Greco, che firma il +2 del 7'. Ma sale in cattedra Penicheiro che riporta la sfida sul pari: 17-17. E la Geas mette il naso davanti: 19-17 all'8'. Sino al 19 pari di Taranto, risultato del primo parziale.

Sale in cattedra il centro Tillis nel secondo parziale ed il match si infiamma. Bello e spettacolare, grazie all'eleganza dell'americana che spinge la Geas sul +5 del 13'. Sino ad allora il Cras non era stato a guardare, con le triple di Sanchez e Mahoney, entrate in corso d'opera. Ma è la Geas che continua a comandare, seppure il Cras le stia sotto i tacchi: 34-33 al 17'. Punteggio alto. Al PalaAllende è show del canestro. Merito di cestiste taglienti, come Batkovic, che al 18' riporta Taranto in avanti con una “bomba”: +2 delle rossoblù. Non sta a guardare la Geas. Sempre Tillis, in spolvero, che firma il nuovo pari del 19': 36-36. E' lo score con cui le squadre vanno a riposo.

Riflessione strategica per Taranto, visto che l'impatto con la ripresa è delizioso. 5-1 dalle mani di Zimerle e Batkovic e Cras che respira: +4 al 23'. Momento propizio per le giocatrici joniche. Zimerle suona la carica con una tripla doppia. E' l'arma nel cassetto di Taranto nella notte milanese. Al 25' la formazione di Ricchini cala il pesante break di 21-8 che vale il +13, con l'unghiata di Batkovic, che assieme a Godin sembra aver presso le misure alla coppia Machanguana-Tillis. Il gruppo pugliese ha una marcia in più. La difesa limita Sesto San Giovanni ed in attacco Taranto è ispiratissimo, quasi impietoso. Galli prova a far riflettere le sue giocatrici che si dimenano: 5-0 e -8 al 27'. Ma il Cras si rianima con Zimerle, che ha la mano caldissima: 52-63 al 28'. Finale di periodo sereno: Taranto ci crede. Ed alza ancora di più il ritmo nell'ultima frazione. L'impresa di Tarbes è in archivio, il Cras difende ed attacca che è una meraviglia, schizzando coi punti di Zimerle e Batkovic sul +19 del 33'. Break di 9-0, Sesto barcolla. La sola Machanguana continua a “gridare” vendetta nell'area. A ruota Tillis, ma il Cras alza ancora di più la voce, irrefrenabile: +20 al 34', strappa di 10-0. Il trio offensivo delle meraviglie è formato da Zimerle, Mahoney e Batkovic.

Canestri pesanti, canestri logica conseguenza di una difesa-cerniera. Sesto prova a raggirarla, trovando un punti che tengono ancora accesa la propria fiammella. Si desta la “passatrice” Penicheiro, che l'A1 italiana la conosce: 63-76 al 35'. E' il momento del team lombardo: 7-0, sotto il muso del Cras che rifiata inevitabilmente. Ci pensa Sanchez a scuotere la squadra. Dalla lunga distanza ovviamente. Sulla sua scia Mahoney, che è tambureggiante nell'area: 5-0, Cras sul +18 al 36'. Momento redditizio, perché le joniche riprendono quote. Inarrestabili: +20. Rosicchia qualcosina nel finale Sesto. Poi Mahoney infila gli ultimi canestri spezza-gambe. E mette la firma più giusta sotto una vittoria sacrosanta.

RICCHINI: CRAS PIACEVOLE SORPRESA - «Non pensavo che la squadra, con la fatica di Tarbes sulle gambe, potesse essere capace di una prestazione così maiuscola. Oggi, forse, abbiamo avuto una vita più facile di quante prevedessi, ma Sesto rimane un avversario tagliente, che abbiamo battuto alla distanza, con cattiveria difensiva ed intelligenza in attacco”. E' soddisfatto Roberto Ricchini, come non potrebbe esserlo dopo la cinquina vincente tra Italia ed Europa dall'inizio del 2009? Il coach, però, come nel suo stile non fa voli pindarici con la testa. “Restiamo umili – dice il tecnico alessandrino – solo così possiamo continuare a tenere sotto tiro gli obiettivi sperati dalla nostra società».

RISULTATI

Umana Venezia G.M.A. Phonica Pozzuoli 85-55 
Bracco Geas Sesto S.Giovanni Cras Basket Taranto 77-93 
Club Atletico Faenza ACP Livorno 77-63 
Lavezzini Parma Liomatic Umbertide 62-48 
Famila Wuber Schio Acer Erg Priolo 88-62 
Napoli Basket Vomero Pool Comense 71-66 dt1s 
Banco di Sicilia Ribera Gescom MCI Viterbo 74-59 

CLASSIFICA Faenza, Taranto 24; Venezia, Schio, Parma 22; Sesto SG, Comense 18; Priolo, Vomero, Pozzuoli 14; Umbertide, Livorno 10; Ribera 6; Viterbo 4. 

PROSSIMO TURNO (11-2) 

Gescom MCI Viterbo Lavezzini Parma 
Liomatic Umbertide Umana Venezia 
Club Atletico Faenza G.M.A. Phonica Pozzuoli 
Pool Comense Famila Wuber Schio 
Acer Erg Priolo Banco di Sicilia Ribera 
Napoli Basket Vomero Bracco Geas Sesto San Giovanni 
ACP Livorno Cras Basket Taranto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione