Cerca

Nino Lionetti confermato presidente del Coni Bari

Secondo mandato, per il quadriennio olimpico 2009-2012, per l'ingegnere barese, 51 anni. Le linee programmatiche del neo-eletto mirano a consolidare il ruolo strategico svolto nel territorio dal Coni proseguendo nella direzione della promozione dello sport
Nino Lionetti confermato presidente del Coni Bari
BARI - Il Coni Bari nel segno della continuità. L’ingegnere barese Nino (all’anagrafe Eustacchio) Lionetti, 51 anni, è stato infatti rieletto Presidente del Comitato Provinciale per il quadriennio olimpico 2009-2012, ricevendo - come candidato unico - 33 preferenze su 33 presenti aventi diritto al voto. La nuova giunta sarà nominata nella prossima settimana. 

Le linee programmatiche del presidente mirano a consolidare il ruolo strategico svolto nel territorio dal Coni Bari, proseguendo nella direzione della promozione dello sport su varie direttive: scuola, federazioni ed enti di promozione, società e associazioni sportive, enti locali. Lo scorso quadriennio è stato caratterizzato dall’avvio delle iniziative del Gioco Sport nella scuola primaria, dal rilancio dei Giochi della Gioventù, dall’istituzione della Giornata Nazionale dello Sport, dalle attività giovanili nelle fasce extra scolastiche (Centri Coni Giovani, Centri Cas), dalle numerose iniziative rivolte allo sport per i disabili. 

«Migliaia di ragazzi – spiega Lionetti – hanno partecipato alle nostre iniziative di educazione motoria e di avviamento alla pratica sportiva, in un momento epocale caratterizzato dalla necessità di contrastare nelle giovani generazioni stili di vita sedentari e di potenziare la cultura sportiva. Per il futuro auspichiamo di continuare secondo le direttrici: programmazione; reperimento di risorse esterne per realizzare progetti specifici; sviluppo dei rapporti con gli Enti e le istituzioni locali; sinergie con il Coni Puglia; maggior coinvolgimento di federazioni, istituzioni sportive nazionali, scuola, media, volontariato, in modo da costruire una “rete virtuosa” mirata a promuovere l’attività sportiva e a organizzare eventi. Condividere le scelte, insomma. Con un occhio particolare alla formazione e all’informazione, anche attraverso Internet. E naturalmente al patrimonio impiantistico, per il quale è stata già potenziata la struttura del Servizio Impianti Sportivi provinciale».
A monte, un obiettivo: «Lo sport per tutti, inteso come attività di inclusione e di aggregazione - conclude Lionetti - senza limiti di età e di condizione sociale, come mezzo per educare, oltre che alla correttezza e alla lealtà, anche alla legalità e all’integrazione sociale. Dunque, garantendo pari opportunità alle fasce più deboli: minori, anziani, diversamente abili». 

Il secondo mandato è per Lionetti un nuovo tassello del suo percorso legato allo sport: già presidente della Commissione Regionale per l’Impiantistica Sportiva del Coni Puglia, in passato ha fatto parte dell’Area Impianti del comitato organizzatore dei Giochi del Mediterraneo Bari ‘97. E’ stato anche responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell’unità organizzativa insediata presso il Coni Puglia dal 2001, docente nei corsi di formazione della Scuola Regionale dello Sport e componente di varie commissioni comunali di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo come esperto Coni in materia di impiantistica sportiva. Come atleta ha praticato lotta greco-romana a livello agonistico con l’Angiulli Bari; da oltre venticinque è tesserato della Federazione Italiana Cronometristi per la quale è stato anche segretario del Comitato regionale pugliese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400