Sabato 21 Luglio 2018 | 23:17

Al San Nicola

Il Bari batte l'Ascoli 3-0
Grosso: dobbiamo crescere

Al 9' del secondo tempo Galano ha portato in vantaggio i suoi con una bordata da 20 metri, il raddoppio di Improta e Floro Flores ha chiuso i conti

Il Bari batte l'Ascoli 3-0Grosso: dobbiamo crescere

Il Bari 'formula San Nicolà non tradisce, cancella ogni strascico del mal di trasferta (finora 4 ko esterni in 5 gare) e si rilancia nelle zone nobili della classifica: i pugliesi hanno regolato i conti con l’Ascoli (3-0) con un secondo tempo efficace, al cospetto di un avversario dal 38' in dieci per l’espulsione di Gigliotti.

Il tecnico pugliese Grosso ha scelto il modulo 4-3-3 per fronteggiare le assenze pesanti di Marrone e Basha, trovando una squadra più quadrata ma meno creativa, mentre Fiorin aveva nel giovane Parlati una freccia controllata a fatica da Cassani e Tello. Il 'rossò al difensore marchigiano Gigliotti, per una entrata dura su Galano, ha determinato nuovi equilibri, accrescendo la supremazia dei padroni di casa.

Nella ripresa l’innesto di Brienza per Busellato ha dato al Bari ritmo e geometrie e così al 9' Galano ha portato in vantaggio i suoi con una bordata (settimo centro stagionale) da venti metri deviata da Bianchi. Il raddoppio è arrivato su assist di Brienza al 14' con un tocco di Improta (ottavo gol) deviato nella porta dell’Ascoli dal difensore Mogos. Floro Flores ha chiuso i conti con un destro a giro per il 3-0 al 28'. Nelle fila del Bari ha esordito l’esterno olandese Anderson (subentrato a Galano).

Siamo stati bravi, contro un avversario molto difficile. Ringrazio tutti i giocatori per come si sono messi a disposizione. Dobbiamo crescere molto": così Fabio Grosso, tecnico del Bari, ha commentato la vittoria interna contro l’Ascoli nel dopopartita al San Nicola.
«Abbiamo giocato una partita importante - ha aggiunto l'allenatore dei pugliesi - contro una squadra che a tratti nel primo tempo ci ha messo in difficoltà. Abbiamo resistito bene, siamo entrati nella ripresa con un altro piglio e siamo stati bravi nel gestire il finale».

Poi un elogio per Floro Flores. «Sono contento della sua prestazione, l’ho cambiato perché non ha i 90' nelle gambe». In conclusione una riflessione sul primo tempo in chiaroscuro fino all’espulsione del marchigiano Gigliotti. «Siamo stati poco fluidi, e anche contratti. La 'mazzatà presa a Brescia si è fatta sentire, anche per la prova degli avversari ai quali devo fare i miei complimenti», ha concluso Grosso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • revisore

    29 Ottobre 2017 - 09:09

    Beh se ti fanno giocare in 11 contro 10 per un ora anche fuori casa allora qualche punto riuscirai a farlo.Ma fino alla espulsione zero tiri e zero azioni,questa la realtà.

    Rispondi

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Bari calcio, Decaro alla festa dei tifosi a Pane e Pomodoro: 7 giorni per fare tutto Il video

 
Il Bari riparte dallo Stadio dell Vittoria: la diretta della Gazzetta

Il Bari riparte dallo Stadio della Vittoria: oltre 2mila con il sindaco 
Rivedi la diretta

1commento

 
Decaro scrive alla Figc: «Il Bari riparta dalla serie C»

Decaro scrive alla Figc: «Il Bari deve ripartire dalla serie C»

3commenti

 
Bari calcio, il sindaco Decaro incontra i tifosi: ecco il vademecum

Bari calcio, il sindaco Decaro incontra i tifosi: ecco il vademecum

 
bari palermo

Bari, gli ultras organizzano una festa a Pane e Pomodoro: «È ora di mettere un punto e ripartire»

 
Un «patto» per far rivivere lo sport che conta

Un «patto» per far rivivere lo sport che conta

 
Antonio Albanese

Baricalcio, l’imprenditore Albanese: «Io contattato da Giannini»

 
Giampiero Maci presidente del Casarano

Giampiero Maci
presidente del Casarano

 

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS