Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 07:43

Opposizione al Comune

«Lo stadio S. Nicola affidato
al Bari che non paga le tasse»

Melini: la società deve 2 milioni al Comune. Di Paola: stranezze nel bando. Accuse all'amministrazione Decaro

«Lo stadio S. Nicola affidatoal Bari che non paga la tasse»

Stadio San Nicola sempre più nell’occhio del ciclone. Nonostante la pubblicazione del bando per la gestione quinquennale, che continua a suscitare polemiche e perplessità. A scendere in campo contro le scelte dell’amministrazione comunale sono l’ex candidato sindaco, Domenico Di Paola e Irma Melini (Gruppo misto-ScelgoBari).

«La gara per l’esternalizzazione della gestione dello stadio si rivolge ad una platea troppo ristretta dei possibili partecipanti», attacca Di Paola, spiegando la sua posizione. «Se si considera che, secondo lo stesso Comune, l’impianto dovrebbe essere destinato ad attività multidisciplinare, commerciale e di spettacolo - dice -, sarebbe stato più ragionevole ampliare la partecipazione anche a chi non ha la stringente caratteristica di aver gestito campi da gioco». E aggiunge. «Per di più, l’ipotetico concessionario, terzo rispetto a Comune e Fc Bari 1908, non ha la garanzia di un impegno formale da parte della società calcistica a pagare il canone di 700mila euro annui».

Secondo Di Paola, l’attuale accordo per l’utilizzo dello struttura è un altro punto dolente, «poiché garantito dal Comune alla squadra, senza che questa si sia impegnata a corrispondere il dovuto ad un eventuale terzo soggetto che si aggiudica la gara».
Melini ritiene che l’amministrazione Decaro «non abbia fra le sue priorità la definizione del futuro del San Nicola», ricordando «i tanti ritardi fatti nelle procedure che hanno portato alla definizione della gara».

Volontà e ritardi che, sempre secondo la consigliera di opposizione si sono riverberati sullo stato di salute dello stadio. «Il San Nicola non viene manutenuto adeguatamente dalla Fc Bari 1908 che, già a marzo scorso ha avvisato il Comune di non voler investire più un euro in manutenzione straordinaria». Semmai l’abbia fatta.

Strali anche contro la Fc Bari 1908, a cui il Comune continua ad affidare la struttura «pur sapendo che la società calcistica deve praticamente oltre 2 milioni fra Tari e imposta pubblicitaria, mai corrisposta negli ultimi due anni».

«È veramente singolare che si continui ad affidare lo stadio a zero euro e senza accertare interventi manutentivi, mentre si è pronti a mettere a bando un piano di manutenzione programmata che non lascia giustamente via di scampo a chi gestirà lo stadio», prosegue Melini. «Immaginiamo che questa gara vada deserta, anche perché alla FC Bari 1908, non conviene neanche partecipare, ma continuare a gestire gratis lo stadio con queste proroghe della proroga, tutte garantite dal Comune», conclude.
[n. perch.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione