Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 08:23

Il Cras Taranto tenta la fuga

Domenica (ore 17) si gioca la partita più importante della seconda giornata di ritorno della serie A1 femminile di basket. Le ioniche affronteranno il Parma nello scontro diretto tra capilista. Potrebbe essere il turno giusto per isolarsi in vetta
Il Cras Taranto tenta la fuga
TARANTO - È il momento di spiccare il volo. La seconda giornata di ritorno dell’A1 femminile di basket, in programma domani 1° febbraio, può strizzare l’occhio al Cras. E’ big match al PalaMazzola, eccezionalmente in programma alle ore 17 per consentire all’avversario un viaggio funzionale per il ritorno degli ottavi della Europe Cup.

L’avversario è la Lavezzini Parma, coinquilina di Taranto, Faenza e Venezia della vetta del campionato. Proprio dal primo posto in coabitazione il Cras potrebbe staccarsi, qualora la giornata si rivelasse favorevole. Per piazzare la prima fuga del torneo, il quintetto jonico non solo deve piegare la squadra gialloblù, ma anche contare sul contemporaneo passo falso di Venezia (impegnata mercoledì 4 febbraio in casa del Sesto San Giovanni, secondo a -2 dal quartetto di testa, con Schio e Comense) e di Faenza, domani di scena a Como.

Il match contro Parma è un anticipo della semifinale di Coppa Italia, in programma tra un mese abbondante a Faenza. Dunque si annuncia succosa la sfida di domani al PalaMazzola, dove sugli spalti si giocherà anche un’altra partita, ossia quella della solidarietà, con la raccolta dei fondi a favore di Gianni Battista, malato grave che ha bisogno di cure specialistiche.

CRAS, AVANTI TUTTA - Il terzo impegno in sette giorni. L’obiettivo? «Vincerlo ovviamente, piazzando il tris» risponde Valentina Siccardi, la guardia brindisina che domani ritrova l’aria elettrica del campionato dopo una botta al volto subìta una settimana fa in occasione del match contro Faenza. «Tutto passato – dice la cestista di 26 anni – ho già giocato senza sentire fastidi in coppa contro Tarbes. Ho voglia di offrire il mio contributo ad una squadra che è stupenda. Sia io che le compagne abbiamo fame di vittorie. Domani, contro Parma, il confronto è stimolante. Loro provengono da una prova sbiadita a livello continentale, ma restano una grande squadra che, secondo me, può puntare dritto allo scudetto».

Numericamente, il Cras vanta un peso leggermente maggiore rispetto alle emiliane: secondo attacco (67,5 punti a gara) rispetto al settimo delle ospiti (64,3) e terza difesa (59 punti lasciati all’avversario di turno) in confronto al quarto (59,6) del gruppo guidato da Maurizio Scanzani.
Il Cras ha impattato deliziosamente il 2009, visto il successo in campionato su Faenza e quello di giovedì sera per gara-1 degli ottavi di finale di Europe Cup su Tarbes. Ma gli ultimi tre minuti di questa sfida, caratterizzati da un breve blackout delle rossoblù (da +19 si sono fatte risucchiare il vantaggio sino al +9), rappresentano campanello d’allarme per coach Roberto Ricchini. «L’assenza di un secondo play come Monica Bello – sottolinea l’allenatore – è sicuramente un motivo di emergenza tecnica. Inevitabile una flessione da parte di Zimerle, brava ma spossata in cabina di costruzione tattica. Ma non dobbiamo lamentarci, piuttosto sono sicuro che le ragazze in campo stringeranno i denti e spetta al mio staff tecnico trovare soluzioni migliori per fare sì che la regia del gioco sia la più efficiente possibile per reggere il match contro un avversario robusto».

Escluse Bello (noie alla schiena, ma la giocatrice è in fase di leggero recupero), Sauret-Gillespie (nota positiva: l’ala francese ha iniziato ad allenarsi, tra un paio di settimane potrebbe essere in campo) e Brunson (impegnata nella fase di potenziamento fisico post operazione al ginocchio, dovrebbe tornare a giocare da marzo), Ricchini conta su un gruppo tonico e voglioso di piazzare la fuga in campionato.

LAVEZZINI DA SCOPRIRE - Un girone di andata ad alto ritmo agonistico (10 match vinti, di cui due a tavolino per la regola-bluff delle 4 straniere in campo, e tre sconfitte: trend da campione di inverno) ed un inizio del 2009 al momento infruttuoso (-7 esterno in campionato con Sesto San Giovanni e -18 interno con Chevakata, che potrebbe aver compromesso il cammino in Europe Cup). Questo l’ultimo “bollettino di salute” della formazione di Maurizio Scanzani, ex coach del Cras del passato. Ma la sua squadra, attuale capolista assoluta del campionato (vanta un miglior trend nei confronti diretti con le coinquiline della vetta), va presa con le pinze.

Il play-fosforo e killer Zara; la guardia giunta in soccorso da Livorno Franchini (assieme a Magaddino sopperisce alle assenze permanenti di Zanoni e Stabile, ko per infortunio al ginocchio); il trio australiano pericoloso composto dalla guardia Screen (12 punti match), dall’ala Porter (54,1% nel tiro dalla media distanza) e dall’ex Cras Summerton (sinora miglior stagione in A1 con un trend di 17,5 punti e 5,4 rimbalzi a gara); ed il centro serbo Vilipic che ha nella reattività sotto canestro (58,7% nel tiro ed 8 rimbalzi ogni 40 minuti di gioco) l’arma migliore. Questo il quadro luminoso di Parma. Ma la panchina è corta, con Magaddino e Paparazzo unici cambi verosimili. Per onore di firma, poiché non è ancora pronta per ragioni fisiche, l’ala serba e naturalizzata italiana Marija Micovic. A referto anche la baby lituana, ma italiana dopo tre campionati giovanili, ossia l’ala classe 1990 Gabriele Narviciute.

LE FORMAZIONI - Lavezzini Parma: Zara, Franchini, Screen, Summerton, Vilipic; Magaddino, Narviciute, Micovic, Porter, Paparazzo. All. Scanzani.
Cras Taranto: Zimerle, Greco, Mahoney, Godin, Batkovic; Sanchez, Siccardi, Masoni, Prado, David. All. Ricchini.
Arbitri: Ranaudo di Milano e Turbati di Livorno. Inizio della partita alle ore 17. Biglietti: 7 euro costo intero, 4 euro costo ridotto. Validi gli abbonamenti del campionato.

MEDIA - La partita tra Cras e Lavezzini si potrà seguire in diretta anche attraverso l’emittente media partner Radio Città Bianca. La sfida di campionato, col commento dei giornalisti Toni Cappuccio ed Aldo Cesario, si potrà ascoltare non solo attraverso le frequenze del canale (92.5 mHz per il brindisino e 94.2 mHz per il tarantino) ma anche direttamente sul sito web della radio, ovvero www.radiocittabianca.com, dunque l’ascolto potrà avvenire da ogni parte del mondo. Mentre lunedì 2 febbraio, l’emittente televisiva media partner del Cras, Blu Star Tv manderà in onda come di consueto il programma “Basket Time”, dalle ore 21. A seguire, attorno alle 23 la differita integrale della partita contro Parma, che potrà essere visibile o mediante il canale terrestre BS Televisione od il canale satellitare del bouquet Sky 940.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione