Cerca

Il Lecce si fa raggiungere alla fine

I salentini cercano di fare la gara, anche se nel primo tempo latitano le occasioni da gol. Nella ripresa Vives porta in vantaggio i pugliesi, che però si fanno raggiungere dai veronesi a pochi minuti dal termine. Il tabellino, tutti i risultati e le classifiche di serie A
Il Lecce si fa raggiungere alla fine
Il tabellino di Chievo-Lecce 1-1, match disputato oggi allo stadio Bentegodi nel quadro della 21.ma giornata di serie A: 

CHIEVO (4-3-1-2) - Sorrentino; Moro (83' Pinzi), Morero, Mandelli, Mantovani; Luciano (52' Scardina), Rigoni, Marcolini, Bentivoglio; Esposito, Pellissier. Allenatore: Domenico Di Carlo. 

LECCE (4-3-3) - Benussi; Polenghi (81' Diamoutene), Fabiano, Esposito (59' Makinwa), Giuliatto; Vives (59' Caserta), Zanchetta, Ariatti; Giacomazzi, Castillo, Tiribocchi (85' Schiavi). Allenatore: Mario Beretta. Arbitro: Mauro Bergonzi di Genova. Marcatori: 56' Vives/L, 88' Mantovani/C Ammoniti: 3' Zanchetta/L, 25' Mandelli/C, 36' Fabiano/L, 66' Moro/C, 73' Marcolini/C, 87' Pinzi/C Espulsi: 49' Mandelli/C, 80' Fabiano/L


Arbitro: Bergonzi di Genova. 

Reti: nel st 10' Vives, 42' Mantovani.

Ammoniti: Zanchetta, Mandelli, Fabiano, Moro, Marcolini e Pinzi per gioco falloso. Espulsi: al 4' st Mandelli per doppia ammonizione e al 34'st Fabiano per doppia ammonizione Recuperi: 1' e 6' Angoli: 6-6 Spettatori: 9.373 incasso 69.133, 86 euro


VERONA - Il Chievo vede il baratro, scivola giù spinto da un Lecce padrone del campo, ma poi l'ingenuità di Fabiano e la rete di Mantovani rilanciano incredibilmente le quotazioni dei veneti nella corsa salvezza. Perchè se la squadra di Di Carlo esce indenne dalla sfida con il Lecce, con un 1-1 finale che a un certo punto sembrava impossibile allora davvero tutto è possibile verso la strada della serie A. Il Chievo non si affida in avvio a Vincenzo Italiano, l'uomo che ha risolto la sfida a Reggio Calabria e Di Carlo serve le chiavi del centrocampo a Bentivoglio. In difesa spazio a Moro sulla destra e Morero al centro al posto dello squalificato Yepes. Il Lecce della folta pattuglia degli ex lascia Ardito in panchina con Giuliatto sulla sinistra mentre Beretta lancia la coppia Tiribocchi-Castillo in avanti. L'avvio sembra promettente, gran ritmo, giusta determinazione, le avvisaglie di una partita avvincente.


Ma il film che dipana la prima frazione di gioco è di quelli da rimanere memorabile per noia e pochezza, tecnica e tattica. Il Chievo è troppo lungo, il centrocampo non accompagna mai i movimenti dell'attacco, Pellissier ed Esposito lasciati in balia degli avversari. Non che il Lecce sia messo meglio. Tiribocchi lotta e corre, ma gioca sempre spalle alla porta, Giacomazzi vaga senza trovare la giusta collocazione e Zanchetta trotterella senza grande costrutto. Di tiri in porta nemmeno l'ombra, solo un contatto, comunque fuori area, tra Esposito e Fabiano sul quale Bergonzi vede bene assegnando il semplice calcio d'angolo ai veneti. Il Lecce ha una manovra più fluida, ma non sa colpire, il Chievo sembra sulle ginocchia con numerosi giocatori beccati anche dal pubblico di casa. Nella ripresa l'episodio chiave dopo soli 4'. Mandelli ferma con le brutte maniere Tiribocchi, secondo giallo inevitabile e Chievo in inferiorità numerica. Il Lecce capisce che può osare e dopo una paio di giri di lancette è Castillo di testa che impegna in una comunque non impossibile presa con le mani Sorrentino.


Ma quello di Castillo è il classico suono di tromba. Il Lecce intuisce il momento di difficoltà del Chievo, Sorrentino tiene a galla i suoi respingendo un colpo di testa di Fabiano, ma poi si deve inchinare alla prodezza balistica di Vives. Il centrocampista del Lecce scaglia un destro di prima intenzione a seguito di una respinta della difesa gialloblù. La palla si infila all'angolino alto alla destra della porta di Sorrentino. Un grande gol. Il Chievo è alle corde e Di Carlo deve ringraziare Sorrentino che dice no ad una girata di Tirbocchi e la traversa che respinge un destro al volo di Castillo di grande bellezza. Unico sussulto gialloblù un destro da buona posizione di Makinwa con palla sul fondo. La partita sembra finita, a riaprirla la leggerezza di Fabiano che, già ammonito, colpisce Pellissier a palla lontana. Anche qui Bergonzi vede bene e parità numerica ristabilita. Il Chievo prende animo e Mantovani impegna Benussi a terra, ma ora è un'altra gara. Il Chievo ci crede e sul traversone basso di Bentivoglio la difesa del Lecce si addormenta e Mantovani sottoporta raccoglie l'invito per un pareggio incredibile.




SERIE A – 2^ GIORNATA RITORNO – 28 GENNAIO
Atalanta – Bologna 0-1 
Cagliari – Siena 1-0 
Catania - Inter 0-2 
Chievo – Lecce 1-1 
Fiorentina – Napoli 2-1 
Milan - Genoa 1-1 
Roma – Palermo 2-1 
Sampdoria - Lazio 3-1 
Torino – Reggina 0-0 
Udinese - Juventus 2-1 

SERIE A – CLASSIFICA   Pt  Pg  Pv  Pn  Pp  Gf  Gs 
Inter       49  21  15   4   2  36  15 
Juventus     43  21  13   4   4  34  16 
Milan       41  21  12   5   4  36  22 
Genoa       37  21  10   7   4  31  19 
Roma       36  21  11   3   7  31  26 
Fiorentina    35  21  11   2   8  28  19 
Napoli      33  21  10   3   8  28  20 
Palermo      32  21  10   2   9  30  27 
Cagliari     31  21   9   4   8  27  23 
Lazio       31  21   9   4   8  31  28 
Atalanta     27  21   8   3  10  26  23 
Udinese      26  21   7   5   9  30  33 
Catania      26  21   7   5   9  20  26 
Siena       25  21   7   4  10  15  20 
Sampdoria    23  21   6   5  10  19  25 
Bologna      22  21   5   7   9  24  33 
Lecce       19  21   3  10   8  20  31 
Torino      17  21   4   5  12  21  36 
Chievo      17  21   4   5  12  14  30 
Reggina      14  21   3   5  13  17  38 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400