Cerca

Martina cede di schianto a Montichiari

Nella gara (la sesta del girone di ritorno della serie A1 di pallavolo maschile) in cui si aspettava una risposta per il futuro, gli uomini di D'Onghia oppongono una sterile resistenza (3-0: 25-14, 25-15, 25-23). Doppia sconfitta per le baresi di A1 donne
Martina cede di schianto a Montichiari
MONTICHIARI-STAMPLAST MARTINA 3-0

ACQUA PARADISO MONTICHIARI: Esko 5, Gavotto 13, Sala 5, Howard 4, Rauwerdink 14, Horstink 14, Manià (L), Tiberti. Ne: Pesenti, Paparoni, Forni, Bellei, Zito. All: Berruto.
STAMPLAST MARTINA FRANCA: Coscione 1, Sequeira 7, Stancu 5, Mastrangelo 6, Cernic 7, Rodriguez 9, Ricciardello (L), Guglielmi, Stojkovic, Quartarone. All: D’Onghia.
ARBITRI:Cinti e Puecher.
NOTE - Progressione set: 25-14, 25-15, 25-23. Spettatori: 3000 circa.

MONTICHIARI -La modestia della Stamplast lontano dal PalaWoytila emerge copiosa. Il verdetto della gara di Montichiari non è diverso da quello di molte trasferte raccontate in questa stagione. Nella sesta giornata del girone di ritorno è Montichiari a beneficiare della doppia identità di Mastrangelo e compagni. E la squadra di Berruto sentitamente ringrazia, risparmiando energie in vista della Final Eight di Coppa Italia che la impegnerà da giovedì contro Piacenza nella speranza di volare poi a Forlì per Volleyland.

3-0 quasi senza storia. Sin dalle prime battute i bresciani hanno schiacciato il piede sull'acceleratore: il palleggiatore Esko ha orchestrato nel migliore dei modi i compagni, con Rauwerdink (in campo al posto diPaparoni) protagonista di una gara solida in attacco (miglior marcatore della sfida con 14 punti insieme ad Horstink) e attenta in difesa.

Nella Stamplast la regia di Coscione non è stata illuminante (l'ex di turno ha giocato con qualche linea di febbre) e, accompagnata dall’inef ficacia dei cannonieri, ha generato una sconfitta comunque preventivabile. A contribuire al passo falso anche gli infortuni: a Martina sono rimasti Corsini e Granvorka e, sebbene alla vigilia D’Onghia non si fosse fasciato la testa, le defezioni hanno avuto il loro peso nell’andamento della gara.

Troppo brutta per essere vera la Stamplast nel primo set, ma lo spartito non è cambiato al rientro in campo. 25-14 l’esito del primo parziale, 25-15 nel secondo dove l’Acqua Paradiso ha preso le redini dell’incontro già nelle battute iniziali e non ha più ceduto lo scettro.

La musica è cambiata nel terzo set in cui sono emersi, seppur parzialmente, alcuni valori tecnici dei biancazzurri. Il tira e molla è durato a lungo: 8-6 esterno al primo timeout, 10-9 per Montichiari guidata da un Horstink stellare, 15-14 per la Stamplast che, approfittando di qualche errore arancioblù, ha coltivato il sogno di riaprire l’i ncontro.

L'ultimo vantaggio pugliese è arrivato sul 18-17, ma il ritorno dei padroni di casa sul 21-19, il colpo di Cernic (22-22) ed il primo match ball salvato servono soltanto ad allungare la sequenza dei punti. Quando arriva la bomba di Horstink la Stamplast ha già capito che l’ennesima sconfitta esterna si èmaterializzata.

Nella terza giornata di ritorno della serie A1 femminuile, doppia sconfitta per le squadre baresi impegnate. La Florens Castellana si fa battere 3-0 in casa dal Sassuolo (25-27, 23-25, 23-25), mentre la Tena Santeramo perde (sempre 3-0) in trasferta a Pavia (25-19, 25-23, 28-26).
In A2, successo interno per 3-1 del San Vito dei Normanni contro Roma. I parziali: 25-15, 24-26, 25-18, 25-22.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400