Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 00:22

Taranto ospita l'incontro principale della A1

Il Cras riparte (domenica 25 gennaio, ore 18) dopo la sosta affrontando il Faenza capolista nella prima giornata del girone di ritorno del massimo campionato di basket femminile. Le joniche tentano l’aggancio. Coach Ricchini: «Riprendiamo la corsa»
Taranto ospita l'incontro principale della A1
Il Cras TarantoTARANTO - Si rialza il sipario sull’A1 di basket femminile. L’ora scocca domani, domenica 25 gennaio, alle 18. Il PalaMazzola ospita il big match della prima giornata di ritorno Cras-Faenza. La prima (Faenza, 20 punti con Parma) contro la seconda (Taranto, 18 punti con Venezia). Un battesimo succoso della riapertura dei giochi delle donne del basket, dopo tre mesi di sosta, utili alla Nazionale italiana per conquistare l’accesso all’Europeo 2009 attraverso la “finestra” dell’Additional Round. Ora, invece, parola al campionato. Ad un mese abbondante dal primo traguardo stagionale, rappresentato dalla Coppa Italia, che si disputerà a Faenza il 7 e 8 marzo.

RICCHINI: SIAMO PRONTI - Ha chiuso il 2008 con un ko indolore, ossia contro Venezia che, nonostante abbia spezzato la serie-sì che durava da 17 partita, non ha compromesso l’accesso del suo Cras alla Coppa Italia. Domani Ricchini ritrova la panchina rossoblù ed il calore del PalaMazzola, «che rappresenta un’arma stimolante per la nostra squadra. Match tosto, che ovviamente affrontiamo per vincere, consci del valore dell’avversario ma anche dei nostri mezzi a disposizione».

Rispetto al precedente big match con Venezia, il tecnico alessandrino ha una Batkovic in più. Il centro australiano è il cecchino numero 18 del campionato con una media di 12,5 punti a partita. Nel Cras fa meglio la guardia Megan Mahoney che sta piazzando una scalata nella classifica speciale, trovandosi in ottava posizione con un trend di 14 punti a sfida. L’americana oggi sarà regolarmente in campo con le altre. Fatta eccezione per la play Monica Bello che, a cause di noie muscolari alla schiena, resterà a riposo per un paio di settimane, col fine di curarsi e tornare quanto presto disponibile.

«Questa assenza – evidenzia Ricchini – ci costringe a trovare nuove soluzioni tattiche, ma conto molto sull’apporto di una cestista esperta come Zimerle». Tocca alla vicentina plasmare il gioco corale che piace al tecnico e che sinora ha prodotto frutti tra Italia ed Europa (giovedì 29 primo atto degli ottavi della Europe Cup con Tarbes in casa). Al suo fianco Zimerle avrà interpreti vogliose di ritrovare il successo. Compresa la guardia Michelle Greco, che sta smaltendo i postumi della cura della caviglia, che ha accusato uno sperone osseo. Oggi la giocatrice di Los Angeles, che guida la classifica dell’A1 nel tiro dalla lunga distanza (52,17% il suo rendimento a giornata), è a disposizione di Taranto.

«Per vincere servirà aggressività sulle ottime esterne di Faenza e sulle loro lunghe pericolose e mobili. L’ideale sarebbe ripartire in contropiede per bruciarle sul tempo. Prevedo equilibrio ed un buon basket» annuncia Ricchini. Una vittoria potrebbe servire a Taranto per tentare l’aggancio alla vetta visti i match esterni impegnativi delle “lepri” del campionato Parma e Venezia, rispettivamente con Sesto San Giovanni e Priolo.

FAENZA IN SALUTE - Faenza ha chiuso l’andata in crescendo. Sei vittorie consecutive (non perde dal 23 novembre: -5 interno imposto da Parma) hanno permesso al team di Paolo Rossi di raggiungere la vetta in coabitazione con la regina d’inverno Parma. Le emiliane sono settime in attacco (63,8 punti a match) e seconde in difesa (55 punti subiti a giornata). Numeri tosti anche da parte di Taranto, che ha il quarto reparto offensivo (66,8) e la terza difesa (58). La miglior realizzatrice di Faenza è il play brasiliano Adriana, decimo scorer del campionato con 13,5 punti a sfida. Forte presenza a rimbalzo da parte dell’ex rossoblù Milka Bjelica, terza nella specialità dell’A1 con 8,6 palle recuperate a partite. In quinta fila c’è la crassina Godin (8,3). Ma l’arma nel cassetto di Faenza è il tiro dalla lunga distanza, come attesta il quinto posto in A1 della brava ala slovena Erkic (45,4% di media), il nono di Adriana (41,5%) ed il decimo di Zampella (38,8%).

Faenza si presenta a Taranto con una squadra equilibrata che, dopo la rivoluzione del mercato estivo (su tutte le partenti si ricorda super Ballardini, ora freccia dell’arco di Venezia), ora ha trovato l’assetto giusto per fare male. Il mercato di gennaio ha attuato le mosse di definitivo assestamento, con la cessione dell’ala Ramon a Livorno, l’allungamento del contratto all’ala-pivot lituana Stakneviciene a fine stagione, con il possibile recupero del centro americano Gardner, che domani dovrebbe essere la “undicesima” giocatrice del gruppo. Modica e Alexander, play e pivot, sono le italiane che hanno recuperato dai rispettivi acciacchi.

LE FORMAZIONI - Cras Taranto: Zimerle, Greco, Mahoney, Godin, Batkovic; Sanchez, Siccardi, Masoni, Prado, David. All. Ricchini.
Club Atletico Faenza: Adriana, Modica, Erkic, Bjelica, Alexander; Bandini, Zampella, Thais, Santucci, Stakneviciene. All. Rossi. Arbitri: Gagliardi di Frosinone e Capurro di Reggio Calabria. Inizio del match alle ore 18.

SOLIDARIETA’ - Ai primi trecento spettatori paganti del PalaMazzola, il Cras distribuirà le copie del calendario 2009 realizzato dall’ArciRagazzi di Taranto …Per un raggio di sole… L’iniziativa benefica contribuirà a finanziare il progetto portato avanti da anni dall’associazione jonica, relativo alla tutela dei diritti dei piccoli malati di Taranto.

MEDIA - La partita Cras-Faenza sarà mandata in diretta dalla Rai, attraverso il canale satellitare Rai Sport Più (canale 227 del bouquet-Sky) e dal digitale terrestre. Il match potrà essere seguito anche attraverso la radio, con la diretta assicurata dall’emittente media partner Radio Città Bianca. La sfida di campionato, si potrà ascoltare non solo attraverso le frequenze del canale (92.5 mHz per il brindisino e 94.2 mHz per il tarantino) ma anche direttamente sul sito web della radio, ovvero www.radiocittabianca.com, dunque l’ascolto potrà avvenire da ogni parte del mondo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione