Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 06:02

Martina Franca ha il mal di trasferta

A Verona sesta sconfitta esterna su otto partite nella A1 maschile di pallavolo. Finisce 3-0 per i padroni di casa. Non sono mancati passaggi e vuoto ed occasioni sfumate per riaprire il match. Pesa però un grave errore arbitrale sul finire del terzo parziale
Martina Franca ha il mal di trasferta
VERONA-MARTINA 3-0 (25-19, 25-22, 25-23)

MARMI LANZA VERONA: Latelli (L), Parodi 18, Popp 14, Sottile 1, Lasko 13, Dehne, Szabo, Volpini (L), Maric 1, Semenzato 7, Bontje 2, Mosterts 5. Non entrati Colaci. Allenatore: Giuliani.
STAMPLAST MARTINA FRANCA: Ricciardello (L), Coscione, Stancu 5, Cernic 11, Stoijkovic, Mastrangelo 5, Granvorka 11, Rodriguez 11. Non entrati Guglielmi, Corsini, Sequeira, Quartarone. Allenatore: D’onghia. ARBITRI: Cesare, Pol. NOTE: Spettatori 2600, incasso 14000, durata set: 23', 26', 28' per un totale di 1h17' di gioco.

MARTINA - Solita Stamplast formato trasferta a Verona. Un’altra sconfitta caratterizzata da iniziali passaggi e vuoto (subito cinque punti di svantaggio nel primo set e quattro nel secondo) ed occasioni sfumate per riaprire il match (cinque lunghezze in avanti rispetto all’avversario nel terzo set). Questa volta c’è da recriminare anche per un vistoso errore arbitrale nel terzo parziale con il punteggio di 22-23 per Martina. Viene notato un inesistente tocco a muro su una schiacciata di Parodi che invece era terminata out. Sarebbe stato il punto del 22-24 che sicuramente avrebbe allungato la partita se non definitivamente riaperta.

La squadra di D’Onghia paga a livello individuale la serata negativa dello schiacciatore Rodriguez (falloso nei primi due parziali quanto a tratti incontenibile nel terzo) ed in generale della fase muro-difesa oltre che un servizio, specie nel primo set, poco pungente. Bene Granvorka, al rientro dopo due mesi di assenza nel ruolo di opposto, buona come da qualche tempo a questa parte la prestazione di Cernic.

Nel primo parziale la Stamplast paga un approccio errato al match. Nei primi tredici punti della gara (9-4 per Verona) ci sono ben cinque errori punto dei tarantini che chiuderanno il parziale con dieci errori gratuiti concessi ( quattro di Rodriguez) di cui ben sette in battuta. Il gap iniziale di cinque punti non viene recuperato e Verona gestisce bene il cambio palla tenendo sempre a debita distanza Martina Franca.

Nel secondo parziale altra partenza ad handicap (5-1) per la Stamplast che prova ad avvicinarsi all’avversario (6-6). Coach Giuliani a questo punto, anche un po’ a sorpresa toglie il temuto centrale Bontje ed inserisce Mosterts che ripaga subito con tre punti (8-6, 9-7, 10-8). Un muro di Semenzato su Cernic va volare Verona a più quattro (14-10), vantaggio che rimane sino al 18-14. Poi Martina si da una scossa grazie ad un miglioramento della fase muro con il centrale rumeno Stancu protagonista di tre punti dal 18-14 al 20-19. L’ace di Parodi del 22-19 sembra il preludio ad un finale tutto di marca veronese ma Granvorka con due punti consecutivi di cui uno diretto in battuta rimette pepe al match (23-21). Fuoco di paglia perché Giuliani azzecca un altro cambio (Maric per Popp). Il croato fa subito punto 24-21, Mastrangelo annulla il primo match ball mentre poco dopo con l’ennesimo errore in battuta Rodriguez regala il punto decisivo agli avversari.

Nel terzo set la Stamplast parte bene. Lascia subito intendere che non ha voglia di andare anzitempo negli spogliatoi. Coscione mura Popp (3-5). Per la prima volta Martina è in vantaggio. Rodriguez comincia finalmente a mettere palla a terra e la Stamplast va prima a più quattro (7-11) e poi passa a più cinque (9-14, errore di Lasko). Giuliani continua ad attingere energie fresche dalla panchina e dimezza il gap (13-15). Rodriguez continua a randellare (quello del 17-20 è il settimo punto del parziale). Sul 20-22 sia pur con un piccolo vantaggio la Stamplast sembra poter chiudere in proprio favore il match ma il martello di Verona Parodi, praticamente imprendibile, passa tre volte consecutive in poco tempo. L’ultima schiacciata però è un abbaglio della coppia arbitrale. Il 23-23 di Verona è un in realtà un attacco out del giovane martello di scuola Cuneo. Due muri consecutivi di Semenzato, uno su Granvorka ed uno su Rodriguez chiudono match e parziale.

Stamplast ancora una volta rimandata all’esame di trasferta (due soli successi in otto gare) ed a quello di abbinamento cromatico (con la muta da gara bianca cinque sconfitte su cinque incontri e solo un set vinto contro quindici persi). A fine match parla Granvorka: «Dobbiamo lavorare per trovare una certa stabilità di squadra. Purtroppo gli infortuni impediscono la crescita del nostro gioco. Ci esprimiamo bene solo a sprazzi. Nei primi due set abbiamo sbagliato troppo. Il mio rientro? Mi sento bene anche se non sono al massimo della condizione».

SERIE A1 – 4ª giornata di ritorno

Copra Nordmeccanica Piacenza – Bre Banca Lannutti Cuneo 0-3 (23-25, 23-25, 24-26)
Sisley Treviso – Trenkwalder Modena 3-0 (25-20, 25-19, 25-18)
Itas Diatec Trentino – Tonno Callipo Vibo Valentia 3-0 (25-22, 25-21, 25-18)
Marmi Lanza Verona-Stamplast Ma.Franca 3-0 (oggi) (25-19, 25-22, 25-23)
Rpa LuigiBacchi.it Perugia – Lube Banca Marche Macerata 3-2 (19-25, 29-31, 25-23, 25-23, 15-13)
Acqua Paradiso Gabeca Montichiari – Antonveneta Padova 3-0 (25-23, 25-23, 25-21)
Framasil Pineto – Yoga Forlì 3-2 (28-26, 23-25, 26-24, 21-25, 15-12)

CLASSIFICA: Itas Diatec Trentino 40, Bre Banca Lannutti Cuneo 38, Lube Banca Marche Macerata 37, Copra Nordmeccanica Piacenza 33, RPA-LuigiBacchi.it Perugia 29, Acqua Paradiso Gabeca Montichiari 28, Marmi Lanza Verona 26, Sisley Treviso 24, Trenkwalder Modena 21, Stamplast Martina Franca 20, Tonno Callipo Vibo Valentia 18, Framasil Pineto 18, Yoga Forlì 15, Antonveneta Padova 10.

PROSSIMO TURNO – 18/01 – Ore 18.00

Lube Macerata-Itas Diatec Trentino (Ore 18:30 Diretta Sky)
Lannutti Cuneo-Marmi Lanza Vr (17/1, 18:30, Diretta Sky)
Trenkwalder Modena-Copra Nordmeccanica Piacenza
Callipo V.Valentia-Framasil Pineto (19/1, 20:30 Diretta Sky)
Antonveneta Padova-Rpa LuigiBacchi.it Perugia
Stamplast Martina Franca-Sisley Treviso
Yoga Forlì-Acqua Paradiso Gabeca Montichiari

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione