Cerca

Martedì 19 Settembre 2017 | 17:32

Il Dream Team Comes si ferma

Per la prima volta Taranto perde (65-61 a Giulianova) nella serie A1 maschile di basket in carrozzina, ma resta comunque in testa alla classifica. Il tecnico ionico L'Ingesso non ne fa un dramma: «Sapevamo che prima o poi sarebbe successo»
Il Dream Team Comes si ferma
TARANTO - Doveva succedere e tutto sommato va bene così. Per la prima volta in questa stagione il Dream Team Comes conosce il sapore della sconfitta, si riscopre, forse finalmente, umano e consegna democraticamente interesse ad una regular season per il momento a senso unico. I ragazzi di coach L’Ingesso, dalla cui parte aveva oscillato la bilancia dell’equilibrio nei finali delle partite con Santa Lucia e Sassari, questa volta devono arrendersi proprio negli ultimi secondi ad una indomabile Giulianova. Evidenti ma anche relative le attenuanti degli ionici, ritrovatisi soltanto martedì e con poche ore di allenamento alle spalle, lapalissiani però anche i meriti degli abruzzesi, trascinati da uno strepitoso Marchionni e concreti come mai. La sconfitta, come insegna lo sport, fa parte del gioco: l’importante è comprendere i propri errori e ripartire immediatamente. Sabato al Palamazzola arriva l’Elecom Roma: impegno delicato, difficile e prestigioso. L’ideale, insomma, per riprendere il volo.

La partita

Coach L’Ingesso parte con Mazzi, Miceli, Di Bennardo, Dror e Passiwan; Fabrizio Durantini risponde con Schmalzriedt, Ozcan, Larsson, Marchionni e Turlo. L’inizio degli ospiti è folgorante: le transizioni di Dror e Passiwan bucano a più riprese la difesa avversaria e Taranto si ritrova subito avanti 2-12. Giulianova sembra disorientata: a reggere l’urto Dream Team c’è solo capitan Marchionni, positivo dal perimetro (8-16). Passiwan però sembra in giornata di grazia, è incontenibile in contropiede, trova la retina con costanza e chiude il primo parziale da grande protagonista: la dote della capolista sembra già essere importante (12-22).

I padroni di casa però ritornano in campo decisi a vendere a caro prezzo la pelle: Marchionni colpisce immediatamente dai 6.25 e le maglie difensive abruzzesi si stringono. Di Bennardo si fa fischiare il terzo fallo e coach L’Ingesso lo sostituisce con Stella. Taranto però regge al ritorno dell’Amicacci: Dror ed il solito Passiwan trovano punti importanti sotto le plance e l’intervallo lungo vede sempre gli ospiti condurre 30-37.

Al rientro dagli spogliatoi però Giulianova è completamente trasformata: Marchionni piazza un’altra tripla ed entra definitivamente in the zone; il Dream difende duro ma gli abruzzesi, con il capitano e l’americano Schmalzriedt trovano per tre volte canestri importanti proprio sullo scadere dei 24 secondi (42-47). Coach L’Ingesso effettua il doppio cambio Stella-Mazzi con Latagliata- Counts e la guardia palagianese va subito a canestro. Marchionni però è scatenato e trova ancora, per due volte consecutive, la conclusione dalla linea lunga: il terzo quarto si chiude 48-49, la partita è tutta da giocare.

L’apertura dell’ultimo periodo trova un subitaneo protagonista in Counts, eccellente in transizione, ma i padroni di casa non mollano e rispondono punto su punto con Turlo e l’immancabile Marchionni (55-56). Il finale è equilibratissimo: a 35 secondi dalla fine Schmalzriedt, sotto canestro, sigla il primo vantaggio dei padroni di casa (60-59). Taranto cerca subito la reazione ma il tiro di Passiwan finisce sul ferro e sul rimbalzo Marchionni guadagna il diritto alla lunetta.

Il capitano abruzzese fa uno su due e la palla torna al Dream: il cronometro dice 29 secondi alla sirena. La conclusione di Counts però s’infrange di nuovo sul ferro e coach L’Ingesso ordina il fallo sistematico; Turlo, dalla lunetta, realizza un solo canestro e sul ribaltamento di fronte Mazzi subisce fallo fuori dalla linea lunga. Dalla lunetta l’americano fa due su tre: a meno di dieci secondi dalla fine il Dream torna a contatto (63-61). Nell’azione successiva però gli arbitri fischiano un antisportivo su Marchionni, il capitano realizza entrambi i liberi ed il successivo possesso palla abruzzese spegna ogni velleità ionica: il risultato finale è 65-61.

Gli spogliatoi

Niente drammi, a giusta ragione, per coach Egidio L’Ingesso, che analizza la prima sconfitta stagionale con la solita lucidità: «Sapevamo che sarebbe accaduto: meglio aver perso qui a Giulianova che in qualche scontro diretto. Dispiace un po’ perché i ragazzi erano partiti davvero bene ed hanno pagato la superiorità del Giulianova soltanto sotto il profilo atletico. In ogni caso complimenti ai nostri avversari, che hanno giocato davvero una grandissima partita». Negli spogliatoi, a fine partita, la voglia di ripartire subito ha fatto da contraltare alla delusione. «Abbiamo parlato subito degli errori commessi quest’oggi ed i ragazzi erano perfettamente consapevoli di non aver giocato come sanno. Una sconfitta non modifica le grandi cose fatte sino a questo momento e per fortuna il nostro vantaggio sulle inseguitrici resta importante. La settimana prossima, poi, abbiamo la possibilità di confrontarci immediatamente contro una delle grandi pretendenti al titolo, la Elecom Roma. Inizieremo a pensare alla sfida con i capitolini già da domani».

IL TABELLINO

LAS MOBILI REGIONE ABRUZZO AMICACCI GIULIANOVA 65
DREAM TEAM COMES TARANTO 61
(12-22, 30-37, 48-49)
Las Mobili Regione Abruzzo Amicacci Giulianova: Marchionni 33, Larsson 4, Turlo 11, Lasmans 2, Accorsi, Ozcan, Durantini ne, Schmalzriedt 15, Aubry. All. Fabrizio Durantini
Dream Team Comes Taranto: Latagliata 2, Mazzi 6, Miceli 2, Counts 6, Di Bennardo 2, Dror 12, Stella 2, Passiwan 29, Diana ne, Specchiarello ne. All. Egidio L’Ingesso
Arbitri: Roja, Dolci, Gammella
Campo di gioco: Palazzetto comunale Palacastrum, via Simoncini, Giulianova Lido (Teramo). Palla a due ore 18. MVP: Galliano Marchionni (Las Mobili Giulianova)

I RISULTATI DEL DECIMO TURNO DI CAMPIONATO
GSD Porto Torres - CMB Santa Lucia Sport 43-67; Las Mobili Reg.Abruzzo Amicacci Giulianova - Dream Team Comes Taranto 65-61; BA.D.S. Quartu Sant’Elena - Anmic Sassari 67-78; S. Stefano Banca Marche - Sanitaria Beni Delfini Vicenza 72-67; Lottomatica Elecom Roma - Padova Millennium Basket (domenica 11/01 ore 11)

LA CLASSIFICA
18 Dream Team Comes
16 CMB Santa Lucia Sport
14 Anmic Sassari
12 Lottomatica Elecom Roma*, S. Stefano Banca Marche
10 Padova Millennium Basket*, Las Mobili Reg.Abruzzo Amicacci Giulianova
4 BA.D.S. Quartu Sant’Elena
2 GSD Porto Torres
0 Sanitaria Beni Delfini Vicenza
* una partita in meno

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione