Cerca

Martedì 17 Ottobre 2017 | 13:33

Serie A, Lecce finalmente vince dopo tre mesi e mezzo

Nella gara del 18° turno della serie A, i salentini s'impongono per la prima volta in trasferta: 1-2 a Firenze con gol di Giacomazzi, Felipe Melo e Castillo. Migliora la classifica: + 2 dal terz'ultimo posto
• Beretta: «Punti importanti»
• Tre tifosi leccesi in questura
• Risultati dalla Iª Divisione alla D
• Pallavolo: Castellana-Novara 3-0
Serie A, Lecce finalmente vince dopo tre mesi e mezzo
Giacomazzi festeggia dopo il primo gol di Fiorentina-Lecce 1-2FIORENTINA-LECCE 1-2 (1-2 già nel primo tempo)


FIORENTINA (4-3-1-2): Frey 6; Comotto 5, Gamberini 5.5, Kroldrup 5.5, Vargas 5.5; Donadel 5.5 (1' st Jovetic 5.5), Felipe Melo 6.5, Kuzmanovic 5.5 (29' st Semioli sv); Santana 6.5; Gilardino 5.5, Mutu 5.5 (5' st Osvaldo 4.5). In panchina: Storari, Zauri, Gobbi, Pazzini. Allenatore: Prandelli 5.5.

LECCE (4-3-1-2): Benussi 7; Polenghi 6, Esposito 6.5 (39' st Diamoutene sv), Fabiano 6.5, Giuliatto 6.5; Munari 6, Vives 6, Caserta 6; Giacomazzi 7 (18' st Ardito 6); Castillo 7, Tiribocchi 6.5 (24' st Cacia 6). In panchina: Rosati, Angelo, Konan, Papadopoulos. Allenatore: Beretta 7.
 ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo 6. 
RETI: 6' pt Giacomazzi, 24' pt Felipe Melo, 28' pt Castillo.

NOTE: Pomeriggio di sole, terreno in buone condizioni. Prima del fischio d’inizio minuto di raccoglimento per ricordare due ragazze morte in un incidente stradale nella notte tra il 5 e il 6 gennaio. Spettatori: 40.000 circa. Al 49' st espulso Osvaldo per doppia ammonizione. Ammoniti: Felipe Melo, Giuliatto, Giacomazzi. Angoli: 13-1 per la Fiorentina. Recuperi: 1' pt e 6' st. 

FIRENZE – La Fiorentina non aveva mai perso in casa, il Lecce mai vinto in trasferta. Il pronostico era tutto per i viola, ma alla fine sono i salentini a far festa e a cominciare l'anno con una vittoria pesante per la classifica (il Lecce oggi sarebbe salvo) e per il morale. Non vinceva da 12 gare il Lecce, un’eternità. Brutto scivolone, invece, per la Fiorentina di Prandelli che perde il quarto posto conquistato nell’ultimo turno del 2008. Dopo il ritiro invernale a Marbella, Prandelli si aspettava una grande Fiorentina. 

Qualche problema di formazione per il tecnico viola che deve rinunciare a Dainelli (Kroldrup al suo posto), Almiron, Jorgensen e Montolivo e schiera il solito 4-3-1-2 con Santana alle spalle della coppia Gilardino-Mutu (quest’ultimo alla ricerca del 100^ gol 'italianò). Beretta sceglie lo stesso modulo per il Lecce e piazza Giacomazzi poco dietro la linea delle punte (Castillo e Tiribocchi, in panchina Cacia e la «novità» Papadopoulos). Senza Stendardo e Zanchetta, Beretta si affida ad Esposito e Vives. 

Parte bene la Fiorentina, Mutu, Gilardino e Santana si cercano e si trovano, ma al 6' il Lecce passa in vantaggio con Giacomazzi. L’uruguaiano, lanciato da Castillo, si presenta tutto solo davanti a Frey e lo batte con un morbido colpo sotto. Troppo alta la difesa viola, il Lecce ne approfitterà ancora anche perchè nè Gamberini, nè Frey stanno benissimo (problemi al ginocchio per il portiere). La Fiorentina comunque reagisce. Si fa sentire, però, l’assenza di Montolivo, manca la sua qualità a centrocampo. Allora ci prova Mutu con due punizioni che esaltano Benussi. 

Il Lecce non sta a guardare, Tiribocchi è sempre una spina nel fianco, al 24', però, la Fiorentina pareggia. Bravo Santana ad andarsene sulla sinistra e a mettere in mezzo, in area svetta Felipe Melo che mette dentro il gol dell’1-1. Dura poco l’euforia viola perchè al 28' Castillo riporta in vantaggio il Lecce. Azione fotocopia del primo gol, ma questa volta, sull'assist di Tiribocchi, l’impressione è che la posizione dell’argentino sia irregolare. Rete convalidata, Lecce in vantaggio e bravo ad approfittare di una difesa viola non in grande giornata. Esposito e Fabiano in difesa controllano bene Gilardino e Mutu, un pò spenti dopo un buon avvio. Viola perciolosi ancora con un colpo di testa di Felipe Melo, ma anche il Lecce ha la palla del 3-1 che Castillo spreca sempre di testa. 

Nella ripresa Prandelli prova a cambiare qualcosa: dentro Jovetic fuori Donadel, ma al 5' il tecnico viola deve sostituire anche Mutu ko per un infortunio al braccio. Al suo posto entra Osvaldo (resta in panchina Pazzini, ormai con le valigie pronte). I minuti passano, il Lecce controlla senza grossi problemi, la Fiorentina ha scarsa lucidità nonostante i tentativi di Prandelli di cambiare volto alla sua squadra (entrerà anche Semioli al posto di Kuzmanovic). Il Lecce non rinuncia mai alle ripartenze (al 28' Cacia va vicino al gol dell’ex), ma nell’ultimo quarto d’ora soffre sui 'disperatì tentativi della Fiorentina. Semioli sbaglia al 34', al 38' Benussi è bravo e fortunato sulla deviazione di Gilardino che si tuffa sul sinistro insidioso di Vargas. Poi i colpi di testa di Kroldrup e Gamberini, Osvaldo è sempre attento e presente.

Al 49' espulso Osvaldo, inizia davvero male il 2009 della Fiorentina, comincia alla grande, invece, l’anno del Lecce.

• Beretta: «Punti importanti»
• Tre tifosi leccesi in questura

Risultati del campionato di calcio di serie A dopo gli incontri della 18ª giornata (Roma-Milan alle 20,30)

A Bologna: Bologna-Chievo 1-1
A Firenze: Fiorentina-Lecce 1-2
A Torino: Juventus-Siena 1-0
A Napoli: Napoli-Catania 1-0
A Palermo: Palermo-Atalanta 3-2
A Reggio Calabria: Reggina-Lazio 2-3
A Udine: Udinese-Sampdoria 1-1
A Genova: Genoa-Torino 3-0 (giocata ieri)
A Milano: Inter-Cagliari 1-1 (giocata ieri)


La classifica (legenda: squadra, punti, partite giocate, vinte, pareggiate, perse, gol fatti, gol subiti)

Inter 43 18 13 4 1 32 12
Juventus 39 18 12 3 3 31 13
Milan (-) 33 17 10 3 4 28 18
Napoli 33 18 10 3 5 26 16
Genoa 32 18 9 5 4 27 17
Fiorentina 32 18 10 2 6 26 16
Lazio 30 18 9 3 6 29 24
Palermo 26 18 8 2 8 24 23
Catania 25 18 7 4 7 18 21
Atalanta 24 18 7 3 8 23 22
Udinese 23 18 6 5 6 26 27
Roma (-) 23 16 7 2 7 21 23
Cagliari 22 18 6 4 8 20 22
Sampdoria (-) 20 17 5 5 7 16 19
Siena 19 18 5 4 9 13 19
Lecce 17 18 3 8 7 16 25
Bologna 16 18 3 7 8 20 28
Torino 15 18 4 3 11 18 32
Reggina 13 18 3 4 11 17 36
Chievo 10 18 2 4 12 10 28
(-): una gara in meno

La classifica cannonieri

13 RETI: Di Vaio (3 rig) (Bologna).
12 RETI: Gilardino (Fiorentina); Milito (4 rig) (Genoa).
11 RETI: Ibrahimovic (Inter), Amauri (Juventus).
9 RETI: Floccari (Atalanta).
8 RETI: Pandev, Zarate (2 rig) (Lazio); Miccoli (2 rig) (Palermo); Corradi (4 rig) (Reggina); Di Natale (2 rig) (Udinese).
7 RETI: Acquafresca (1 rig) (Cagliari); Mascara (2 rig) (Catania); Del Piero (2 rig) (Juventus); Kakà (2 rig), Ronaldinho (2 rig) (Milan); Denis, Hamsik (2 rig) (Napoli).
6 RETI: Mutu (1 rig) (Fiorentina); Sculli (Genoa); Pato (Milan); Cavani (Palermo); Quagliarella (Udinese).
5 RETI: Jeda (Cagliari); Totti (1 rig) (Roma); Cassano (1 rig) (Sampdoria).
4 RETI: Paolucci (Catania); Maicon (Inter); Rocchi (Lazio); Castillo, Tiribocchi (Lecce); Lavezzi (Napoli); Vucinic (Roma); Bellucci (1 rig), Delvecchio (Sampdoria); Amoruso (2 rig) (Torino).
3 RETI: Doni, Ferreira Pinto (Atalanta); Conti (Cagliari); Pellissier (Chievo); Kuzmanovic, Montolivo (Fiorentina); Nedved (Juventus); Simplicio (Palermo); Brienza (1 rig), Cozza (Reggina); Kharja (Siena); Bianchi (1 rig), Rosina (3 rig) (Torino); D’Agostino (2 rig), Floro Flores (Udinese).
2 RETI: Valdes, Vieri (Atalanta); Valiani, Volpi (Bologna); Fini (Cagliari); Morimoto, Plasmati (Catania); Marcolini (1 rig) (Chievo); Felipe Melo (Fiorentina); Biava, Motta, Papastathopoulos (Genoa); Cordoba, Cruz, Muntari, Stankovic (Inter); Chiellini, Iaquinta (Juventus); Foggia (Lazio); Cacia, Caserta, Giacomazzi (Lecce); Ambrosini, Inzaghi, Seedorf (Milan); Maggio, Zalayeta (Napoli); Bresciano (Palermo); Aquilani, Julio Baptista, Panucci, Perrotta (Roma); Calaiò, Ghezzal, Maccarone (1 rig) (Siena); Stellone (Torino); Pepe, Sanchez (Udinese).
1 RETE: Garics, Guarente, Manfredini, Padoin (Atalanta); Bernacci (1 rig), Moras (Bologna); Bianco, Larrivey, Lopez (Cagliari); Baiocco, Martinez, Sabato (Catania); Bentivoglio, Italiano, Langella, Mantovani (Chievo); Pazzini (Fiorentina); Jankovic, Olivera, Palladino (Genoa); Adriano (rig.), Maxwell, Obinna, Vieira, Samuel (Inter); Camoranesi, Giovinco, Grygera, Legrottaglie, Marchionni (Juventus); Dabo, Diakitè, Ledesma, Mauri, Siviglia (Lazio); Esposito (Lecce); Borriello, Inzaghi, Zambrotta (Milan); Mannini, Pazienza (Napoli); Bovo, Cassani, Kjaer, Mchedlidze, Succi (Palermo); Barreto, Costa (Reggina); De Rossi, Juan, Menez (Roma); Franceschini, Padalino, Stankevicius (Sampdoria); Ficagna, Frick, Galloppa (1 rig); Vergassola (Siena); Abate, Abbruscato, Barone, Colombo, Saumel, P.Zanetti (Torino); Domizzi, Inler (Udinese). 1 AUTORETE: Terlizzi (Catania pro Inter); Mascara (Catania pro Inter); Cicinho (Roma, pro Bologna); Di Loreto (Torino pro Reggina); Pisano (Torino pro Inter); Domizzi (Udinese pro Lecce); Siviglia (Lazio pro Napoli); Mantovani (Chievo pro Lazio); Denis (Napoli pro Milan); Papastathopoulos (Genoa pro Juve); Felipe (Udinese pro Chievo); Diakitè (Lazio pro Inter).

Il prossimo turno (19ª giornata, 18 gennaio ore 15)

Atalanta – Inter
Cagliari – Udinese
Catania - Bologna
Chievo – Napoli
Lazio - Juventus (ore 20.30)
Lecce - Genoa
Milan - Fiorentina (17/11, ore 20.30)
Sampdoria - Palermo
Siena - Reggina (17/11, ore 18.00)
Torino – Roma

• I risultati di Iª e IIª Divisione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione