Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 10:25

Beretta: «Dovremo essere pronti a dare battaglia»

Il tecnico del Lecce parla della gara di serie A in casa della Fiorentina in programma domenica alle ore 15. «Dovremo giocare con rabbia, determinazione e propositività. Ci aspettano cinque mesi duri e impegnativi per raggiungere il traguardo finale»
Beretta: «Dovremo essere pronti a dare battaglia»
Il tecnico del Lecce Mario BerettaLECCE – «Dovremo essere pronti a dare battaglia, a giocare con rabbia, determinazione e propositività. Ci aspettano cinque mesi duri e impegnativi per raggiungere il traguardo finale. A prescindere dal modulo con il quale scenderemo in campo, la cosa più importante sarà l’atteggiamento della squadra». Lo ha detto Mario Beretta, alla vigilia della delicata trasferta della squadra pugliese sul campo della Fiorentina. «Il modulo che abbiamo provato in questi giorni, e cioè il 4-3-3, non si discosta molto dall’assetto con due punte e il trequartista – ribadisce Beretta – a prescindere dal numero degli attaccanti in campo, la pericolosità in avanti dipende dall’atteggiamento in campo. Dovremo continuare a metterci sempre grande spirito di sacrificio, che come ho più volte ribadito, a questa squadra non è mai mancato. La Fiorentina è una squadra di grandissima caratura, che dispone di un reparto avanzato molto pericoloso perchè oltre a poter contare su Gilardino, Mutu e Santana, hanno dei giocatori altrettanto importanti che accompagnano l’azione offensiva. Sarà importante andare Firenze a giocarsela – chiude il tecnico del Lecce – senza partire sconfitti, perchè prendere dei punti in Toscana sarebbe importante per la classifica e per il morale. Dovremo fare la nostra prestazione e dimostrare di essere una squadra viva».

Sarà un tridente «camuffato» quello che Beretta schiererà domani pomeriggio. Saranno, infatti, soltanto due gli attaccanti veri (Castillo e Tiribocchi), mentre, come terzo uomo d’attacco, sarà proposto Giacomazzi che, oltre ad avere compiti offensivi, dovrà dare una mano anche alle due punte. A centrocampo, assente Zanchetta (è ancora influenzato e non è stato neppure convocato), il Lecce si disporrà con Munari, Ardito (o Vives) e Caserta, mentre in difesa l’unica novità sarà rappresentata dall’impiego di Schiavi al posto dello squalificato Stendardo. Anche domani Ariatti giocherà come difensore esterno di sinistra al posto di Antunes, finito in panchina. La squadra giallorossa ha svolto questa mattina l'allenamento di rifinitura a Calmiera e nel primo pomeriggio si è trasferita con un volo charter a Firenze. Ventuno i convocati, tra cui l’attaccante greco Papadopulos che, ricevuto il transfert dalla sua Federazione, domani sarà a disposizione di Beretta, anche se inizialmente andrà in panchina.

Probabile formazione (4-3-3): Benussi, Polenghi, Schiavi, Fabiano, Ariatti; Munari, Ardito, Caserta; Giacomazzi, Castillo, Tiribocchi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione