Cerca

Prandelli teme le sorprese della ripresa

Dopo avere lavorato nel corso del ritiro invernale «sulla qualità e non sulla quantità», il tecnico della Fiorentina mette in guardia su quel che può accadere dopo la pausa natalizia e raccomanda non sottovalutare il Lecce. Poi elogia Beretta: «Un grande tecnico»
Prandelli teme le sorprese della ripresa
ROMA - Dopo avere lavorato nel corso del ritiro invernale di Marbella «sulla qualità e non sulla quantità», Cesare Prandelli teme per la sua Fiorentina le sorprese che possono sempre presentarsi alla ripresa del campionato dopo la pausa natalizia, e raccomanda quindi i suoi uomini di non sottovalutare il Lecce, avversario dei viola domani al Franchi per la diciottesima giornata di Serie A. «Tre settimane di riposo sono tante, bisogna capire che tipo di lavoro è stato fatto dagli altri» ha detto oggi Prandelli in conferenza stampa. «Sono sicuro che di fronte troveremo una squadra pericolosa con armi che possono farci male. Chi al posto di Montolivo? Ci sono dei dubbi ancora, anche perché dovremo valutare le condizioni di Almiron». Dell’avversario teme soprattutto l’allenatore: «Mario Beretta è un grande tecnico che ha sempre dato un’impronta molto personale alle formazioni che ha allenato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400