Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 15:19

Giacomazzi: «Bisogna cambiare mentalità»

In vista della trasferta di Firenze nella serie A di calcio (domenica alle ore 15), il centrocampista uruguaiano del Lecce: «Col nuovo sistema di gioco occorre tenere la difesa più alta, ma essere più corti davanti». Ma bisogna rischiare. Papadopoulos disponibile
Giacomazzi: «Bisogna cambiare mentalità»
di MASSIMO BARBANO

CALIMERA - Bisogna invertire la rotta anche a costo di rischiare. D’altra parte il 4-3-3 provato in questi giorni è prova che il Lecce vuole osare di più per cercare di mettere qualche punto nel sacco. Guillermo Giacomazzi, che però, è un capitano di lungo corso del Lecce avverte dai possibili rischi. «Dovremo cambiare un po’ la mentalità della squadra - dice - con questo nuovo sistema su cui ci stiamo esercitando da qualche giorno, occorre tenere la difesa più alta, ma essere più corti davanti. In questo modo si fa meno fatica a portare la palla avanti, ma nello stesso tempo si rischia qualcosa di più in difesa».

Ma, d’altra parte, chi non rischia difficilmente può arrivare ad alti obiettivi. «Vista la classifica in cui ci ritroviamo - prosegue il centrocampista uruguaiano - penso che fosse necessario rischiare qualcosa di più». Tuttavia, non ci si può certo aspettare di andare a giocare in casa della Fiorentina all’arrembaggio. «Non si può pensare di giocare con il tridente e con i terzini che appoggiano l’azione offensiva - prosegue Giacomazzi - bisognerà stare molto attenti a non far saltare gli equilibri e servirà il sacrificio di tutti». La lunga sosta del campionato, secondo Giacomazzi, non può che aver fatto bene al Lecce che aveva qualche difficoltà ed aveva bisogno di rigenerarsi. «Speriamo di iniziare bene questo 2009 - dice - durante la pausa abbiamo lavorato con molta intensità, come voleva il mister, sono fiducioso che la squadra crescerà ».

Tuttavia, l’avversario è di quelli di prima fascia, in lotta per un posto in Champions League e non è certo un cliente facile in un momento in cui bisogna risollevarsi e non si possono più lasciare punti per strada. «La Fiorentina è una delle squadre più forti del campionato - prosegue Giacomazzi - poi è collaudatissima perchè giocano insieme da almeno tre anni con lo stesso allenatore e quindi conoscono molto bene tutti i loro movimenti. E poi c’è quel Gilardino davanti che può fare la differenza». Che atteggiamento tenere contro un avversario di questo calibro? «L’importante sarà non concedere spazi e aprofittare di quei momenti in cui ci lasceranno giocare. In casa concedono pochissimo, perchè attaccano anche con i cent rocampisti». Fondamentale sarà, secondo Giacomazzi, l’approccio iniziale. «I primi minuti saranno cruciali - dice - perchè la Fiorentina cerca sempre di sbloccare la partita nella fase iniziale, specialmente quando gioca contro avversari che lottano per la salvezza. Da parte nostra non devono mancare la grinta e la voglia di vincere. D’ora in avanti queste qualità non dovranno mai venire meno».

Sul fronte formazione, Papadopoulos potrà giocare a Firenze. Infatti è arrivato il transfer, per cui non ci sono più ostacoli procedurali all’utilizzo dell’attaccante greco che già da un mese e mezzo si è tesserato e si allena con il Lecce. Di contro, non mancano i problemi per Beretta che dovrà fare i conti con la probabile indisponibilità del capitano Zanchetta che è rimasto a riposo
(come pure Mihoubi) a causa di una sindrome influenzale. Hanno ripreso, invece, sia Ariatti che Schiavi. Entrambi, però, restano in dubbio, visto che hanno saltato alcuni allenamenti.

Un programma differenziato per Vives e Tiribocchi che accusavano un lieve affaticamento nuscolare. Questa mattina alle 10 l’allenamento di rifinitura allo stadio di via del mare, poi la partenza per il capoluogo toscano. Appare ormai probabile, visto che Beretta lo ha provato per tutta la settimana, l’utilizzo del 4-3-3, un sistema di gioco mai utilizzato in questo campionato. L’arbitro della partita sarà Mazzoleni di Bergamo. Quest’anno ha allenato il Lecce una sola volta, alla seconda giornata contro il Chievo (Lecce-Chievo 2-0).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione