Lunedì 25 Giugno 2018 | 06:32

Lotta contro l'Alzheimer

L'altra «partita» di Carella
Giocò nel Bari e nel Lecce

L'altra «partita» di CarellaGiocò nel Bari e nel Lecce

NICOLA LAVACCA

Non c’è mai un viale del tramonto per quei calciatori che hanno lasciato una traccia indelebile nelle squadre dove sono stati protagonisti. Il peso degli anni, a volte gli effetti della malattia pur nella cruda realtà non cancellano le loro gesta e qualcosa di mitico che ne hanno contraddistinto l’esistenza sportiva.

È il prezioso bagaglio che si porta dentro Angelo Carella, barese doc e funambolica ala destra tra gli anni ‘60 e ‘70, che dal 2014 combatte quotidianamente con il morbo di Alzheimer non senza difficoltà, ma con forza d’animo e coraggio. Il fisico un po’ ciondolante, il lieve sorriso di chi sa di avere di fronte la strada in salita. I ricordi di quel passato glorioso vanno e vengono. Tornare indietro con la mente indietro nel tempo non è facile. Ci aiuta a ricostruire le tappe della sua carriera intensa il figlio Antonio.

«Da ragazzino giocavo a pallone per strada, dove abitavo in via Crispi - racconta con un pizzico di emozione Carella, oggi 68enne -. Il calcio per me era tutto. Una volta dissi a mio padre: se a 18 anni non sarò un professionista cacciami di casa. Mi notò Michele Gravina, scopritore di tanti talenti del Bari che fu, ed entrai a far parte del vivaio biancorosso».
Per la verità non fu un percorso agevole. Angelo correva a perdifiato, aveva lo scatto bruciante, sulla fascia destra era irresistibile, dribblava gli avversari come fossero birilli. Tuttavia un po’ per il suo carattere ribelle, un po’ perché davanti a lui c’erano i cosiddetti «senatori» non trovava spazio. Era il Bari del ‘66-’67 allenato da Toneatto che conquistò la promozione in B.

«In quella squadra c’erano Cicogna, Carrano, Mujesan e il mio grande amico Pasquale Loseto. Dormivamo nei locali dello stadio Della Vittoria. Toneatto sergente di ferro voleva tenerci sotto controllo. Ero giovanissimo e soffrivo nel vedere gli altri giocare. Poi, finalmente feci l’esordio a Cosenza (il 14 maggio 1967 ndr). Avevo compiuto da poco 18 anni e finalmente coronai il mio sogno».

La stagione successiva andò al Matera in serie D dove con i suoi 14 gol in 31 partite contribuì alla vittoria del campionato. Era l’epoca del presidentissimo Franco Salerno.

«A Matera ho lasciato un pezzo del mio cuore. I tifosi stravedevano per me. Ci sono stato in tre momenti diversi. La seconda volta nel ‘70, la terza quando ottenemmo la storica promozione in B nel ‘79, con Franco Dibenedetto allenatore».
Nel Matera di allora giocavano Generoso, Aprile, Giannattasio, De Canio, Dino Bitetto, Raffaele, Sassanelli. Facendo un salto indietro vanno rimarcate le 6 presenze, sempre nel Bari guidato da Toneatto, che nel ‘68-’69 fu promosso in serie A. Carella ritornò nella massima serie, dopo la parentesi con l’Internapoli, grazie al Catanzaro di Mammì, Braca, Spelta, Silipo e Banelli (questi ultimi due testimoni delle sue nozze).

Successivamente lo splendido triennio (dal ‘72 al ‘75) al Lecce in C dove fu l’alfiere di tante prodezze e instancabili incursioni sulla fascia, duettando in attacco con il bomber Ferrari oltre a condividere un’amicizia sincera con Beppe Materazzi e due indimenticati baresi, Michele Lorusso e Nicola Chiricallo. «Ho vissuto tre anni fantastici. I tifosi giallorossi mi vogliono ancora bene». Le ultime esperienze furono Avellino, Livorno Brindisi, Matera e Barletta dove chiuse la carriera a 31 anni.
Poi, la scelta di fare l’allenatore: Noci, Bisceglie, Melfi, Noicattaro e soprattutto i 15 anni nel settore giovanile del Bari dove ha forgiato tanti piccoli campioni come Antonio Cassano. Per Angelo Carella il calcio è stato tutta la sua vita. Ora, tra pezzi di memoria e ricordi sgualciti, è ospite di Casa Caterina ad Adelfia. Il pallone non rotola più, ma gli restano l’amore infinito e l’affetto indissolubile dei suoi figli Antonio e Valentina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Di Liddo e Semeraro oro ai Giochi del Mediterraneo

Di Liddo e Acerenza d'argento
ai Giochi del Mediterraneo
E c'è il bronzo di Palmitessa

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Foggia, la Procura federale chiede la retrocessione del club in serie C

Foggia, la Procura federale chiede la retrocessione del club in serie C

 
Tortu meglio di Mennea: 9.99 nei 100 m È il primo italiano sotto i dieci secondi

Tortu batte Mennea: 9'99" nei 100 m
Primo italiano sotto i dieci secondi

 
A Brindisi tappa campionato moto acqua e hydrofly

A Brindisi tappa campionato moto acqua e hydrofly

 
Bari Night Run, torna venerdì la gara podistica targata Gazzetta

Bari Night Run, torna venerdì la gara podistica targata Gazzetta

 
Il Bari contro Basha è pronto il ricorso

Il Bari contro Basha, è pronto il ricorso

 
Bari, nessun riscatto in vista di ricapitalizzazione

Bari, nessun riscatto
in vista di ricapitalizzazione

 

MEDIAGALLERY

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

Scudetto alla Pink Bari Primavera, è festa grande a Firenze

 
Impresa della Pink Bari Primavera battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

Scudetto alla Pink Bari Primavera
battuta la Juve 4-3 all'ultimo respiro

 
Apricena, una discarica abusiva in pieno parco

Apricena, trovata una discarica abusiva in pieno parco

 
Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

Il vincitore di Sanremo Ermal Meta canta in barese

 
Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

Confiscati beni per 30 mln fatti con un sequestro degli anni '80

 
Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città, invisibili ai turisti

Lecce da «barocca» a «impacchettata»: in restauro due simboli della città

 
La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

La rapina all'Auchan di Taranto ripresa col telefonino

 
Rapina all'Auchan di Taranto, panico tra la gente

Rapina all'Auchan di Taranto, arrestati un 18enne e un 16enne incensurati Vd

 
Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

Carlo Dragonetti, pugliese che diventa star del web in Cina

 
Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

Incidente sulla tangenziale sud di Bari: due feriti

 
Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

Mondiali robotica, dal Canada l'esibizione dei maghetti della Tommaso Fiore

 

LAGAZZETTA.TV

Notiziari TV
Ansatg delle ore 19

Ansatg delle ore 19

 
Italia TV
Topi tra i cassonetti al centro di Roma

Topi tra i cassonetti al centro di Roma

 
Mondo TV
Saudite al volante: finalmente indipendenti

Saudite al volante: finalmente indipendenti

 
Economia TV
In aziende appena 5% donne al top stipendi

In aziende appena 5% donne al top stipendi

 
Calcio TV
Baresi e Albertini al memorial Freti

Baresi e Albertini al memorial Freti

 
Spettacolo TV
Fuga dall'isola del Diavolo

Fuga dall'isola del Diavolo

 
Meteo TV
Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

Previsioni meteo per domenica, 24 giugno 2018

 
Sport TV
Tortu batte Mennea

Tortu batte Mennea