Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 00:41

Beretta: «Lecce-Bologna non è l'ultima spiaggia»

Il tecnico dei salentini sa che quella di domani (ore 16) sarà una partita importante per la salvezza in serie A, ma non vuole caricarla di attese eccessive: «Non bisogna scordarsi che mancano ancora tante partite alla fine». Di Vaio è il pericolo numero uno
Il tecnico del Lecce Mario BerettaLECCE – Mario Beretta sa che quella di domani con il Bologna sarà una partita importante, ma non vuole correre il rischio di caricarla di attese eccessive. Contento del recupero di Zanchetta, il tecnico del Lecce è soddisfatto anche della settimana di allenamenti dei suoi ragazzi. «Il gruppo ha lavorato bene in settimana con tranquillità e serenità; domani ci sarà tensione, ma questo è normale quando affronti una partita del genere – spiega Beretta -. Quello che ci attende è uno scontro diretto per la salvezza e quindi avrà un’importanza in più rispetto alle altre gare; non bisogna scordarsi, però, che mancano ancora tante partite alla fine. Ci teniamo a trascorre un Natale sereno, come del resto vorrà fare il Bologna. Ce la metteremo tutta cercando di avere il giusto spirito, di fare una partita gagliarda di grande intensità. Cercheremo di essere il più propositivi possibile, del resto, più positiva è la prestazione più possibilità hai di vincere».

A Lecce arriva un Bologna in salute e che nell’ultimo turno ha centrato la prima vittoria della gestione Mihajlovic, dopo i 5 pareggi consecutivi nelle prime 5 gare. «Il Bologna con il nuovo tecnico ha cambiato alcune cose, hanno 2 sistemi di gioco ed hanno ottenuto dei risultati positivi. Dovremo cercare di sfruttare quelli che sono i loro punti deboli, come faranno certamente i romagnoli con noi».

Beretta teme in particolare un giocatore rossoblù: Marco Di Vaio. «Sta disputando un campionato straordinario, però, le qualità di questo calciatore si conoscevano già, avendo un passato importante. Se un attaccante segna tanto è anche perchè i centrocampisti lo mettono in condizione di fare gol, e noi dovremo essere bravi a ridurre i rifornimenti agli attaccanti», spiega il tecnico giallorosso che poi rivolge un appello ai tifosi salentini. «Un contributo importante domenica ce lo potrà dare il nostro pubblico, il nostro campionato passa anche da loro – conclude Beretta -. È nel momento in cui sbagli o che attraversi una fase di gioco difficile che diventa fondamentale il loro sostegno».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione